“Addio Italia, vado all’estero”: così i nostri connazionali emigrano




 

14610663_1233380870040331_997873475_n

di Ch. Mo.

“Ti ho amata, ti ho scelta, ho preso da te il meglio ed anche il peggio ma, ora sento di doverti lasciare. Addio mamma Italia, vado all’ estero.”

Sono sempre in aumento i connazionali italiani che scelgono di lasciare l’Italia alla ricerca di nuove esperienze. Economia incerta, lavoro scarso e tanti tanti sacrifici in una nazione che promette poco o nulla di buono. Che si parli di laureati, di professionisti già affermati o semplici giovani diplomati, la situazione non cambia.

L’Italia arranca. E i dati parlano chiaro.




I dati. Secondo il rapporto della fondazione Migrantes presentato oggi a Roma, sono 107.529 i connazionali espatriati nel 2015. Tra questi, soprattutto giovani tra i 18 ed i 34 anni.

In primis in Germania, ma anche in Regno Unito, Svizzera e Francia, gli ormai ex italiani cercano un nuovo futuro , una vita dignitosa che l’Italia non è riuscita a garantire. Valigia alla mano ed un vagone di speranze e sogni alla ricerca della realizzazione.

Partono per necessità, per vivere, per trovare un posto di lavoro. Per lo più sono i “cervelloni” a lasciare uno stato, l’Italia, in cui si abbassa la natalità, cresce l’aspettativa di vita ma non le speranze di una vita migliore.

Dal 2006 , è costante l’aumento degli italiani oltreconfine. In calo le partenze per l’America meridionale ma stabili rimangono quelle per l’America centro-settentrionale: 352 connazionali hanno scelto le altre aree continentali.

“Pur restando indiscutibilmente primaria l’origine meridionale dei flussi” , si legge nel rapporto , “si sta progressivamente assistendo a un abbassamento dei valori percentuali del Sud a favore di quelli del Nord del Paese”:  la Lombardia, ad esempio, con 20.088 partenze, è la prima regione per partenze, seguita dal Veneto e dalla Sicilia.

(Foto dal web)


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login