ALLARME “ENERGY DRINK”: GRAVI EVENTI CARDIOVASCOLARI




 

red-bulldi Cinzia Marchegiani

Sono le bevande più gettonate, prese come una normale bibita, ma non lo sono. Molte persone le assumono regolarmente per sostenere sforzi e prestazioni. Bevande  sponsorizzate e vendute senza uno straccio di informazione, tanto che il Journal of Addiction Medicine,  la rivista ufficiale della ASAM,  American Society of Addiction Medicine ha pubblicato proprio i primi di agosto 2016 un nuovo case report che mette in allarme sanitario soprattutto i giovani che ne farebbero uso: “Gli alti livelli di caffeina presenti nelle bevande energetiche portano a complicazioni cardiache”.

IL FATTO. Le bevande energetiche sono diventate sempre più popolari negli ultimi anni, soprattutto tra gli adolescenti e i giovani adulti. Commercializzate come “integratori alimentari”, queste bevande non sono soggetti ai limiti di caffeina in bevande analcoliche, o al test di sicurezza e di etichettatura richieste per i farmaci.

Il nuovo Case Report si va ad aggiunge alle precedenti segnalazioni di eventi avversi correlati cardiovascolari legati al consumo di bevande energetiche, tra cui anomalie del ritmo cardiaco (aritmie). L’autore è il Dr. Maryam Sattari della University of Florida, Gainesville.

ARITMIA ENERGY DRINK UTENTE AL PRONTO SOCCORSO




Il nuovo case report viene illustrato:Il paziente era un uomo di 28 anni, visto in pronto soccorso dopo lo sviluppo di vomito di sangue. All’esame, l’unica anomalia  è un ritmo cardiaco molto veloce – circa 130 battiti al minuto. Un elettrocardiogramma ha rivelato un ritmo cardiaco anormale chiamato fibrillazione atriale: un tipo comune di aritmia che può portare a gravi complicazioni se sostenuta. Ulteriori test hanno mostrato altri problemi cardiaci. Il paziente ha detto che aveva bevuto regolarmente due bevande energetiche Monster al giorno – per un contenuto totale di caffeina di 320 milligrammi – insieme a due o tre birre. Non ci sono altre cause comuni della sua anomalia del ritmo cardiaco evidenti. Con i farmaci, la fibrillazione atriale è stata risolta oltre 48 ore. L’endoscopia ha mostrato una lacerazione dello stomaco e dell’esofago, probabilmente causata da vomito forte. Il paziente è stato mandato a casa in condizioni stabili; al follow-up di un anno, non aveva altri sintomi di aritmia”.

Anche se diversi fattori potrebbero aver contribuito alla fibrillazione atriale del paziente, il dottor Sattari e colleghi scrivono: “Crediamo che il consumo di ‘energy drink’ ha giocato un ruolo chiave”. I ricercatori hanno sottolineano che il contenuto di caffeina 160 mg di una bevanda energetica Monster è di circa quattro volte superiore a quello di una normale bevanda al caffè”.

NUOVA REVISIONE MEDICA, 8 CASI DI EVENTI CARDIOVASCOLARI LEGATI ALLE BEVANDE ENERGETICHE, INCRIMINATA NON SOLO LA CAFFEINA

Una revisione della ricerca medica ha identificato almeno otto casi di eventi cardiovascolari legate alle bevande energetiche, come Monster o Red Bull, spiega lo studio. I ricercatori discutono diversi meccanismi con cui l’alto contenuto di caffeina di questi prodotti potrebbe portare ad eventi cardiovascolari. Questi includono altri ingredienti, come la “taurina”, che potrebbero “aumentare” gli effetti della caffeina; con bevande energetiche con l’alcol o di droghe illecite; o elevati livelli di stress.

Questo e altri rapporti precedenti  “suggeriscono ma non in maniera definitiva” che la caffeina in bevande energetiche può causare anomalie del ritmo cardiaco e altre complicazioni cardiache. “Suggeriamo che l’aritmia potrebbe essere una complicazione del consumo di energy drink” il Dottor Sattari e coautori scrivono


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login