ALLARME ITALIA: PRESIDENTE DELLA BUNDESBANK CHIEDE CESSIONI DI SOVRANITÀ




 

Sovranità

Il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha invitato i governi europei a prendere una decisione: rinunciare a diritti di sovranità o intensificare responsabilità nazionale individuale.  Sul sito ufficiale “Deutsche Bundesbank Euosistem”,  viene pubblicato l’intervento e l’intervista rilasciata del presidente Weidmann a due giornali, sotto il titolo: “Siamo venuto al bivio“.

La via di mezzo che è stato perseguito fino ad ora ha perso tempo. Prima o poi, una decisione fondamentale deve essere presa se si vuole salvaguardare l’unione monetaria come unione di stabilità – ha detto Weidmann in un’intervista congiunta con il settimanale tedesco Die Zeit e il quotidiano italiano Corriere della Sera.

Weidmann non vede alcuna volontà da parte della Germania o l’Italia per creare legami comunitari più stretti e di trasferire diritti di sovranità a livello europeo. A suo parere, è essenziale sia per gli investitori e gli Stati membri  tornare al principio della responsabilità nazionale individuale, come sancito dal Trattato di Maastricht. Ma questo funziona solo se in definitiva è possibile far fronte a un default governo senza che il sistema finanziario collassi. Per questo motivo, abbiamo anche bisogno di un forte disaccoppiamento delle banche e sovrani, nonché una procedura ordinata per affrontare problemi di finanziamento del governo , Weidmann ha aggiunto. 




Nell’intervista, il signor Weidmann ha una visione critica del livello di debito pubblico in Italia. Un rapporto debito-PIL di oltre il 130% è più del doppio della cifra soglia concordata,” ha detto, aggiungendo che “il debito alto rapporti devono essere ridotte rapidamente “. Inoltre, ha sottolineato l’importanza di non minare la disciplina di mercato e di attuazione delle regole fiscali.

Sig. Weidmann di conseguenza non ha mostrato comprensione per la decisione della Commissione europea di rinunciare a imporre sanzioni finanziarie sul Portogallo e la Spagna, nonostante i loro disavanzi pubblici hanno violato i limiti di deficit di bilancio. “A mio parere, la Commissione e il Consiglio europeo non sono  abbastanza coerenti”  ha detto il Presidente della Bundesbank. La violazione delle regole devono avere conseguenze a un certo punto” -ha sottolineato.

POLITICA MONETARIA UNICA

Per quanto riguarda il futuro orientamento della politica monetaria nell’area dell’euro, Weidmann ha sottolineato che i tassi di interesse già molto bassi non rappresentano un ostacolo agli investimenti. Inoltre, ci aspettiamo un graduale tassi di miglioramento e di inflazione economiche per salire in direzione di la nostra definizione di stabilità dei prezzi “, ha spiegato. Il Consiglio direttivo della BCE ha definito la stabilità dei prezzi come un aumento di anno-su-anno del tasso di inflazione annuale di sotto, ma prossimi al 2% nel medio termine.

 


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login