ANTIBIOTICI PRESCRITTI MALE? UN TEST ECONOMICO INDIVIDUA CHI NE AVREBBE BISOGNO




 

di Cinzia Marchegiani

CaliforniaEh si, gli antibiotici si prendono spesso male, e sono a volte prescritti senza conoscere effettivamente se il paziente ha un’infezione virale o battericabeatrice-lorenzin.

 D’altro canto anche il nostro ministro della salute, Beatrice Lorenzin in un editoriale del 3 giugno 2016 dove affrontava la resistenza agli antibiotici come tema al centro dell’attenzione del governo avrebbe fatto confusione spiegando che:Il secondo punto e’ quello della ricerca sugli antibiotici: ci sono virus e batteri che si sono evoluti con capacità di resistenza a determinati farmaci e quindi è fondamentale stimolare la ricerca su nuovi antibiotici in grado di combatterli”. 

 

Dalla California, i ricercatori della Stanford Medicine hanno messo in progetto un semplice esame del sangue a buon mercato in fase di sviluppo che potrebbe identificare con precisione quali pazienti hanno bisogno di antibiotici, capaci di capire se il paziente ha in corso un’infezione batterica o virale.

 Gli antibiotici hanno salvato milioni di vite e ha creato un mondo in cui interventi chirurgici complessi e salvavita sono possibili. Ma l’uso eccessivo di antibiotici rischia di creare un flagello globale di batteri patogeni resistenti agli antibiotici e non virus. A causa di questo problema, gli esperti di salute pubblica ricordano regolarmente i medici a prescrivere antibiotici solo per le infezioni batteriche. 

Ma troppo spesso non c’è un modo semplice per i medici di capire se la malattia di un paziente è batterica o virale.

Il lavoro è un esempio di attenzione del Stanford Medicine in merito alla salute e precisione, il cui obiettivo è quello di anticipare e prevenire le malattie con precisione, per diagnosticare e curare le malattie nel malato. Hector Wong, MD, della University of Cincinnati College of Medicine, è stato un altro co-autore di questo studio.

La  ricerca è stata sostenuta dal National Institutes of Healt, la Fondazioner Bill e Melinda Gates Foundation, Stanford Child Healt Research Institute Young Investigator Award (attraverso l’Istituto per l’immunità, Trapianti e infezione), e la Società University Surgeons. Ha inoltre sostenuto il lavoro il Dipartimento di Medicina della Stanford.

UN PASSO AVANTI PER COMBATTERE LA RESISTENZA ANTIBIOTICA DA USO SBAGLIATO

I ricercatori della Stanford University School of Medicine hanno compiuto un importante passo avanti nei loro sforzi per sviluppare un test diagnostico che può aiutare gli operatori di assistenza sanitaria se un paziente ha un’infezione batterica e se potranno beneficiare di antibiotici. Lo studio è stato pubblicato 6 luglio a Science Translational Medicine .

 Molte volte non si può davvero dire che tipo di infezione qualcuno abbia”, ha detto Timothy Sweeney, MD, PhD un socio di ricerca di ingegneria con la l’Istituto Stanford per l’Immunità, Trapianti e Infezione e autore principale dello studio. 

Purvesh Khatri

Purvesh Khatri

 L’assistente professore di medicina Purvesh Khatri,  PhD, l’autore maggiore spiega:L’idea di cercare un test diagnostico è venuto dal nostro precedente articolo in Immunity dello scorso anno. In questo documento, abbiamo trovato una risposta comune da parte del sistema immunitario umano a più virus che è distinta da quella per le infezioni batteriche. Ci siamo chiesti se potevamo sfruttare tale differenza per migliorare la diagnosi di infezioni batteriche o virali. Ma abbiamo bisogno della firma un gene composto da molti meni geni affinché per la prova sia clinicamente utile“.

TEST DEL SANGUE

ANTIBIOTICIIl team ha utilizzato i dati a disposizione di espressione genica dei pazienti per individuare solo sette geni umani le cui variazioni erano presenti durante un’attività di infezione; il loro modello di attività può distinguere se l’infezione è batterica o virale.

Quando i patogeni infettano le cellule del corpo, l’infezione innesca una reazione a catena che coinvolge il sistema immunitario che cambia l’attività, o l’espressione di centinaia di geni. Espressione genica è il processo mediante il quale le cellule estraggono informazioni dai geni e li rappresentano in forma di una proteine o RNA, le cellule hanno la capacità di esprimerne più o meno di ogni molecola, creando un modello di espressione genica che cambia in risposta alle influenze esterne, comprese le infezioni.




TEST 7GENI È CONVENIENTE, ECONOMICO E PIÙ VELOCE 

I ricercatori hanno detto che il test di 7-geni è un grande miglioramento rispetto ai test precedenti che guardano l’attività di centinaia di geni. In funzione di così pochi geni coinvolti, il nuovo test sarà più conveniente e più veloce, pur rimanendo accurato.

Uno studio in Nepal co-scritto da assistente professore di medicina Jason Andrews, MD, ha rivelato che solo il 5 per cento dei pazienti che hanno ricevuto antibiotici realmente bisogno di loro, ha detto Khatri. “I pazienti nepalesi hanno ottenuto un trattamento antibiotico, perché il farmaco era più economico che cercare di capire se effettivamente bisogno. Se vogliamo veramente fare la differenza – ha spiegato Khatri  – il nostro test deve essere più conveniente rispetto al farmaco stesso”. Questo è un punto di importante di cambiamento, dal momento che potrebbe consentire ai sistemi di assistenza sanitaria di utilizzare gli antibiotici in modo appropriato e risparmiare allo stesso tempo.

L’IMPEGNO PER RIDURRE RISPOSTA GLOBALE ALLA RESISTENZA DEGLI ANTIBIOTICI

Il lavoro fa parte di una risposta globale alla necessità di ridurre l’uso di antibiotici, spinto in parte dal piano d’azione nazionale del presidente Obama per la lotta batteri resistenti agli antibiotici. Oggi, i batteri resistenti ai farmaci causano 2 milioni di malattie e 23.000 decessi ogni anno solo negli Stati Uniti, secondo il Centers for Disease Control and Prevention. E, dei 154 milioni di prescrizioni di antibiotici scritti in studi medici statunitensi e dipartimenti di emergenza ogni anno, si stima che 1 a 3 sono inutili. Un  revisione della resistenza antimicrobica del 2014 ha riferito che a meno che qualcosa è fatto per fermare l’evoluzione dei batteri resistenti agli antibiotici, questi cosiddetti superbatteri potrebbe costare il mondo $ 100 miliardi di dollari di perdite domestico-prodotto lordo entro il 2050.

L’UTILIZZO INTELLIGENTE DEGLI ANTIBIOTICI EQUIVALE ALLA LOTTA AGLI EFFETTI COLLATERALI

Infine, oltre a promuovere l’evoluzione dei microbi resistenti ai farmaci, gli antibiotici aumentano il rischio di effetti collaterali, come la rottura del tendine o danni ai reni, e possono danneggiare intestino e altri microbiomi che sono essenziali per la salute globale.

NUOVO TEST GENICO E GLI OSTACOLI CHE DEVE AFFRONTARE: ACCURATEZZA CLINICA, RISPOSTA IN TEMPO REALE E CONVENIENZA AL FARMACO STESSO  

Il nuovo test di espressione genica per individuare l’infezione batterica deve affrontare degli ostacoli prima che possa essere reso disponibile ai medici in pochi anni. 

In primo luogo, deve essere accuratamente testato in un ambiente clinico: fino ad oggi, i dati e i risultati dei test per questi lavori in corso sono venuti tutti da test preesistenti, insiemi di dati digitali di espressione genica da pazienti con diversi tipi di infezioni – non da pazienti attuali:Il nuovo studio ha provato il test di sette geni su campioni di sangue da 96 bambini in condizioni critiche e ha scoperto che il test è stato preciso. Ma i ricercatori hanno detto che ha bisogno di essere ulteriormente validato in un maggior numero di campioni di sangue dei pazienti”.

In secondo luogo, il test deve essere integrato in un dispositivo che può dare un risultato in un’ora o meno: “Il preliminare del test del sangue ha bisogno da quattro a sei ore – troppo lungo per le persone che sono gravemente malate. In pazienti con sepsi, per esempio, il rischio di morte aumenta del 6 a 8 per cento per ogni ora che gli antibiotici sono ritardati, quindi è criticamente importante agire rapidamente”.

I ricercatori spiegano che se vogliono davvero fare la differenza, il test deve essere più conveniente rispetto al farmaco stesso: “In una persona che è, ovviamente, gravemente malata, ha detto Sweeney, la prescrizione di antibiotici sarebbe il default. Ma spesso i pazienti hanno infezioni batteriche ed i medici ancora non si rendono conto che il paziente è in pericolo. Il test di espressione genica potrebbe rimuovere il dubbio in pochi minuti, permettendo ai medici di prescrivere antibiotici prima e salvare vite umane“.

PROGETTAZIONE TEST PER OTTENERE RISULTATI IN MENO DI UN’ORA

Per questo motivo, Sweeney e Khatri stanno lavorando con altri ricercatori su un modo di progettare il test di espressione genica per fornire risultati in meno di un’ora: “Il piano è quello di combinare un test di 11-gene creato un paio di mesi fa con il più recente test di sette geni. La prova 11-gene rivela se il paziente ha un’infezione. Se hanno una infezione, il test di sette geni rivela se è batterica o virale. Entrambi i test saranno eseguiti contemporaneamente”.

I ricercatori prevedono due test come un albero decisionale. “Quando si inserisce il nuovo sette-geni, si  imposta insieme con il set 11-gene, possiamo fare un albero di decisione che corrisponde modo in cui un medico potrebbe pensare a un paziente”, ha detto Sweeney. “In primo luogo ci chiediamo, ‘è presente un’infezione?’ Perché alcune persone si presentano con una infiammazione, la febbre, una frequenza cardiaca elevata, ma non è a causa di un’infezione. Poi ci chiediamo: ‘Se è così, di che tipo?’

Sweeney ha anticipato che il test di combinazione 18-gene dovrebbe prima essere utilizzato in ospedali: “ È possibile che un test ancora più conveniente, con solo i sette geni potrebbe essere utilizzato in ambulatori”.

Una vera rivoluzione medica i nuovi test di espressione genica, il loro successo permetterebbero non solo di guadagnare terreno sulla lotta alla resistenza antibiotica, ma anche prevenire molti problemi legati ai rischi degli effetti collaterali che gli antibiotici infliggono senza che il paziente spesso ne sia a conoscenza poiché incapace di collegarli alla terapia sostenuta se non si effettua una vera campagna di farmacovigilanza… blanda a volte quando un medico prescrive gli antibiotici, figuriamoci in posti del mondo dove l’assistenza medica è un baluardo futuristico.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login