CENTOCELLE, PARCO CADMO BIAVATI: I BAMBINI GIOCANO TRA IL DEGRADO E LA SPORCIZIA




 

 

 

 Centocelle (Roma) – Una denuncia circostanziata arriva da Francesco Figliomeni ed Emiliano Corsi, rispettivamente consigliere di Roma Capitale e consigliere del Municipio V per Fratelli d’Italia sul degrado in cui versa un parco frequentato anche dai bambini. In una nota viene spiegato: “A seguito delle numerose segnalazioni da parte dei residenti del Municipio V, questa mattina abbiamo effettuato un sopralluogo presso il Parco Cadmo Biavati in via Delle Palme, a Centocelle, per constatare le reali condizioni di abbandono e incuria di un’area frequentata soprattutto da ragazzi e bambini di diverse età. E’ vergognoso che un parco per cui le amministrazioni precedenti hanno investito decine di migliaia di euro, sia oggi luogo di bivacco per senzatetto e nomadi e ritrovo per spacciatori che si aggirano indisturbati nelle ore notturne mettendo in pericolo visitatori e soprattutto bambini

Francesco Figliomeni ed Emiliano Corsi, in  merito alle condizioni di abbandono in cui versano il Parco Cadmo Biavati e l’area  verde che collega via Delle Palme all’altezza del civico 199 con via Castore Durante, presenteranno una dettagliata interrogazione.




Panchine rotte, pali della luce divelti, assenza di illuminazione, gradoni di legno rotti di fronte alle poche strutture adibite per far giocare i bambini, nasone rotto causa di frequenti allagamenti per otturazione dello scolo, cancelli di entrata e uscita dal parco fuori uso, pavimentazione rotta dalle radici di alberi pericolosi e la cui manutenzione è quasi inesistente, rifiuti e sporcizia ovunque. Di fronte a queste tristi immagini del Parco Cadmo Biavati e del giardinetto in via delle Palme che abbiamo documentato con alcune fotografie, ci domandiamo se le attuali amministrazioni penta stellate, ad oggi silenti e ancora inattive, abbiano intenzione di seguire la linea programmatica della nullafacenza delle Giunte uscenti del centrosinistra” concludono Corsi e Figliomeni.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login