ALLARME PBDE: AUMENTA IL RISCHIO DELLE MALATTIE TIROIDEE NELLE DONNE




 

Boston – Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Environmental Health  lo scorso 23 maggio 2016 dimostra la pericolosità di alcune sostanze chimiche riscontrate nel sangue delle donne, che fornisce il collegamento tra gli esteri di difenile polibromurato (acronimo PBDE) e l’aumento del rischio per le malattie della tiroide.

Le donne con livelli elevati PBDE,  comuni tipi di sostanze chimiche ritardanti di fiamma nel sangue oltre a esporre ad un elevato rischio per le malattie della tiroide, può essere significativamente più alto tra le donne in post-menopausa, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori di Harvard TH Chan School of Public Health, “Ritardanti di fiamma PBDE, malattie della tiroide, e lo stato di menopausa nelle donne degli Stati Uniti” a firma degli autori Joseph G. Allen, Sara Gale, R. Thomas Zoeller, John D. Spengler, Linda Birnbaum, Eileen McNeely.

I PBDE PRESENTI OVUNQUE DIVENTANO INTERFERENTI ENDOCRINI PERICOLOSI

Joseph Allen, assistente professore di scienze valutazione dell’esposizione presso la Harvard Chan School e autore principale dello studio spiega: “Queste sostanze chimiche sono un po’ ovunque, dal sangue di orsi polari alle aquile per gli esseri umani in tutti i continenti. Questa esposizione vicino onnipresente significa che siamo tutti parte di un esperimento globale sull’impatto delle interferenti endocrini sui nostri corpi“.

I composti PBDE sono stati usati come ritardanti di fiamma per decenni, in gran parte in mobili, in quantità fino al 20% del peso del prodotto. Nel corso del tempo, migrano fuori dei mobili in aria, si depositano in polvere in case, scuole, uffici, e la vita all’aria aperta, e si accumulano nei corpi delle persone. Precedenti ricerche hanno dimostrato che queste sostanze chimiche si accumulano nel tessuto adiposo e interferiscono con le funzioni ormonali, tra cui l’interferenza con ormoni tiroidei. Poiché è noto che i livelli di estrogeni regolano gli ormoni tiroidei, i ricercatori hanno teorizzato che le donne in post-menopausa possono essere particolarmente vulnerabili agli effetti della tiroide PBDE-indotta.

DONNE SOGGETTE MAGGIORMENTE A RISCHIO MALATTIE DELLA TIROIDE

Le donne hanno elevati tassi di malattie della tiroide rispetto agli uomini. Gli agenti tossici ambientali sono responsabili e hanno contribuito a questo dimorfismo. I PBDE, esteri di difenile polibromurato (PBDE), sostanze chimiche ritardanti di fiamma interrompono l’azione dell’ormone tiroideo e sono stati anche coinvolti nella rottura di attività estrogenica, e livelli di estrogeni regolare gli ormoni tiroidei. Le donne in post-menopausa possono quindi essere particolarmente vulnerabili agli effetti indotti PBDE sulla tiroide, in quanto hanno basse riserve di estrogeni. L’obiettivo di questo studio è stato quello di verificare l’associazione tra le concentrazioni di PBDE nel siero e le malattie della tiroide nelle donne degli Stati Uniti (US), stratificato in base allo stato della menopausa.




In età adulta, le donne sono molto più soggette alle malattie tiroidee rispetto agli uomini.

STUDIO: COINVOLTE DONNE CON STORIE DI MALATTIE TIROIDEE

Dati. I ricercatori hanno esaminato un campione rappresentativo a livello nazionale di donne coinvolte nel National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES). Essi hanno confrontato i livelli di quattro PBDE comuni in campioni di sangue dei partecipanti nel 2003-04 con la loro storia di problemi alla tiroide.

I ricercatori hanno scoperto che, nel complesso, le donne avevano circa cinque volte di più la probabilità rispetto agli uomini di avere un problema alla tiroide. La percentuale variava 13-16% tra le donne, rispetto al 2-3% tra gli uomini.

Le donne con la più alta concentrazione ritardanti di fiamma nel sangue avevano più probabilità significativamente rispetto a quelli con concentrazioni più basse di avere un problema alla tiroide. La dimensione dell’effetto è stata raddoppiata nelle donne in post-menopausa.

Joseph Allen chiosa: “Per il nostro corpo, queste sostanze chimiche ritardanti di fiamma funzionano esattamente come gli ormoni endogeni che i nostri corpi producono. Dovremmo essere sorpresi se vediamo gli effetti a valle sulla salute per le donne con elevati carichi corporei di queste sostanze chimiche? Penso nessuno. Questo è fin troppo prevedibile e prevenibile “.

Un limite di questo studio è che essa non ha potuto determinare effetti da più recenti prodotti chimici ritardanti di fiamma perché non sono attualmente segnalati da NHANES (National Health and Nutrition Examination Survey)

Altri autori sono Harvard Chan Eileen McNeely, istruttore nel Dipartimento di Salute Ambientale, John Spenger, Akira Yamaguchi professore di salute ambientale e di insediamenti umani e Sara Gale, un ex assistente di ricerca.

PREVENZIONE, UN COMPITO DIFFICILE VISTO LA DIFFUSIONE DEL PBDE

Un passo avanti permette di avanzare questo studio per comprende il motivo per il quale le donne sono soggette ad un’elevata insorgenza delle forme croniche delle malattie che coinvolgono la tiroide, malattie spesso silenti non diagnosticate se non si affrontano esami specifici. Lo studio ora apre un fronte sulla prevenzione sull’esposizione di queste sostanze che influiscono pericolosamente sulla funzione di questa ghiandola essenziale al corretto equilibrio di tutto il metabolismo del corpo umano, riducendo al massimo la presenza di polvere può ridurre il rischio di contaminazione, considerato che l’EFSA informa che i ritardanti di fiamma bromurati (BFR) sono miscele di sostanze chimiche artificiali che vengono aggiunte a un’ampia gamma di prodotti, anche per uso industriale, per renderli meno infiammabili: “gli eteri bifenili polibromurati (PBDE) sono impiegati per plastiche, articoli tessili, corpi elettronici, sistemi di circuiti”. 

Questo studio apre scenari preoccupanti. Nell’Unione europea (UE) l’uso di alcuni BFR (Ritardanti di Fiamma Bromurati) è vietato o limitato; tuttavia, a causa della loro persistenza nell’ambiente, tali sostanze chimiche continuano a destare timori per i rischi che comportano per la salute pubblica. I prodotti trattati con BFR, ancora in uso o sotto forma di rifiuti, lasciano “filtrare” i BFR nell’ambiente e contaminano l’aria, il suolo e l’acqua. Questi contaminanti possono successivamente penetrare nella catena alimentare, dove si rinvengono soprattutto negli alimenti di origine animale come il pesce, la carne, il latte e i prodotti derivati. 

di Cinzia Marchegiani

Fonte http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27215290


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login