UE, IMMIGRAZIONE: NUOVA NORMA SULL’ESPULSIONE DEGLI IRREGOLARI




 

Bruxelles –  Cambiano le regole per l’espulsione dei residenti irregolari extracomunitari per il loro rimpatrio nelle rispettive nazioni. Un nuovo processo legislativo avviato dalla commissione per le libertà civili del Parlamento europeo ha lo scopo di favorire il ritorno dei migranti irregolari. Quelli con una domanda di asilo senza successo, più di tutti gli altri illegalmente residenti nell’UE, con la creazione di un documento di viaggio europeo riconosciuto dai paesi terzi. 

I dati suggeriscono che solo il 40% delle decisioni per tornare rifugiati vengono applicate ogni anno.

Jussi Halla-Aho, Conservatori e Riformisti europei spiega: “Va da sé che questo è dannoso per la credibilità e la legittimità delle politiche di asilo e di migrazione dell’Unione europea agli occhi dei nostri cittadini. Essa incoraggia inoltre l’abuso del sistema di asilo. Una cosa deve essere chiarita: trasmettiamo solo coloro che non hanno diritto alla protezione internazionale indietro. Quindi non stiamo inviando i rifugiati indietro, stiamo inviando indietro le persone che utilizzano il sistema di asilo e non hanno bisogno di protezione”.

E’ stato approvato dal Comitato libertà civili deputati il 30 maggio 2016, la proposta della Commissione di un documento di viaggio standard dell’UE, per accelerare il processo di espulsione di cittadini extracomunitari che soggiornano “irregolare” negli Stati membri dell’UE, senza passaporto o la carta d’identità valida, i documenti di viaggio conterrebbero una foto standardizzato e sarebbero tradotti in paese in questione UE e il terzo delle lingue di origine. 

I membri evidenziano che molti paesi dell’Unione europea stanno affrontando gravi difficoltà a nel far  tornare questi residenti ai loro paesi d’origine in modo sicuro e legale.

TESTO REDATTO E VOTAZIONI




Il testo, redatto da Jussi Halla-aho (ECR, FI) e approvato con 39 voti a favore, 9 contrari e 2 astensioni, sottolinea che il paesi di destinazione accettazione dei documenti sostitutivi utilizzati dagli Stati membri oggi è basso, per motivi che includono dettagli di sicurezza inadeguate e formati diversi. La mancanza di documenti di viaggio validi rilasciati da alcuni paesi terzi, è anche uno dei principali ostacoli ad un processo di ritorno di successo, dicono i deputati.

Halla-aho, Conservatori e Riformisti europei ha giustificato questa decisione:  “La bassa applicazione tasso delle decisioni di rimpatrio è dannoso per la credibilità e la legittimità della politica europea in materia di asilo e di immigrazione agli occhi dei nostri cittadini, e incoraggia anche l’abuso del sistema di asilo. Mentre il documento di viaggio comune europeo per il ritorno di soggiornava illegalmente cittadini di paesi terzi non è una soluzione magica, è un piccolo pezzo del puzzle e un passo nella giusta direzione”.

DETTAGLI DI SICUREZZA MIGLIORI E MENO BUROCRAZIA

La proposta approvata produrrebbe un formato comune del documento di viaggio europeo. I suoi nuovi dettagli tecnici potrebbero anche includere informazioni personali come nome, età, sesso e segni distintivi, così come una fotografia del passaporto, al fine di combattere la contraffazione e la falsificazione.

Utilizzando le stesse caratteristiche di sicurezza previste nel 2002 per i visti rilasciati da paesi dell’UE per i residenti senza documenti di viaggio validi, il riconoscimento del documento dovrebbe essere rafforzata e gli oneri amministrativi ridotti sia per la UE e le autorità dei paesi di destinazione, secondo la proposta.

GLI ACCORDI DI RIAMMISSIONE

Infine, i deputati invitano l’UE e gli Stati membri a promuovere l’uso di questo documento di armonizzazione nel contesto degli accordi di riammissione conclusi con i paesi terzi.

Obiettivi futuri. I deputati votano sul progetto di relazione di questa settimana con la speranza che un documento di viaggio UE potrebbe fornire un po ‘di sollievo a un sistema di asilo eccessivamente burocratica che è stata così inefficiente fino ad oggi. Il nuovo regolamento dovrebbe anche essere concordato con il Consiglio, utilizzando la procedura legislativa ordinaria, prima che possa entrare in vigore.

Lo stesso Comitato per le libertà civili ha anche discusso gli emendamenti separati per una proposta legislativa per stabilire un elenco comunitario dei paesi d’origine sicuri. 

 Video http://www.europarltv.europa.eu/en/player.aspx?pid=4b7f6a46-2d98-4a15-a434-a61300cae1d5

di Cinzia Marchegiani

 


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login