FEDEZ ANNUNCIA. Gli incassi “Vorrei ma non posto” e “Andiamo a comandare” per costruire una scuola e un asilo ai bambini terremotati




 

fedez

Un annuncio forse che tanti si aspettavano dopo le immagini di Arquata, Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto colpite e distrutte dal terremoto del 24 agosto scorso. Fedez lancia una sfida agli atri colleghi del panorama italiano e dedica l’incasso di due canzoni super amate dai fans a chi ha perso davvero tutto, ai bambini che proprio a settembre dovrebbero iniaziare le scuole, e lo fa dalla sua bacheca Facebook:Le persone coinvolte sono in strada ora, in una zona d’italia di montagna dove già la notte fa freddo — e questa situazione non farà che peggiorare con l’inverno in arrivo. Per questo motivo, noi artisti di Newtopia insieme alle nostre case discografiche, abbiamo deciso di fare un piccolo gesto immediato: oltre alle nostre personali donazioni abbiamo deciso di devolvere il 100% dei ricavati di “vorrei ma non posto” e di “andiamo a comandare” dei prossimi 3 mesi per la ricostruzione della scuola elementare e dell’asilo di Amatrice”.

Questa iniziativa è promossa da Il Fatto Quotidiano insieme al Comune di Amatrice

Fedez spiega:Le notizie che arrivano in questi giorni da Amatrice, Arquata e Accumoli hanno lasciato tutto il Paese sgomento. Un numero incomprensibile di vite sono state spezzate per sempre in una notte che molti di noi hanno passato al riparo nelle nostre case. Case che non esistono invece più per i fortunati che sono riusciti a sopravvivere a questa tragedia. In passato molti artisti si sono uniti per registrare canzoni e organizzare concerti utili per raccogliere fondi da donare alle vittime di simili tragedie; ma queste cose richiedono tempo e una organizzazione imponente“.




FEDEZ CHIEDE UNA MANO ANCHE ALLA APPLE E GOOGLE OLTRE AGLI ALTRI COLLEGHI ARTISTI

È una iniziativa promossa da Il Fatto Quotidiano insieme al Comune di Amatrice. Ho fatto questo video per chiedere una mano ad Apple e Google: su ogni singolo venduto trattengono il 30% dei ricavati e sarebbe fantastico se riuscissimo a dare alle persone coinvolte l’intera cifra. Ma sarebbe ancora più bello se tutti i nostri colleghi si unissero insieme a noi per aiutare i nostri connazionali a rialzarsi e a vivere la vita serena che tutti si meritano di vivere….Facciamo vedere di cosa sono capaci gli italiani quando lavorano insieme.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login