Forte Terremoto scuote la Nuova Zelanda, 8.1 M. La faglia attivata ha generato uno tusnami




 

NUOVA ZELANDA

Nuova Zelanda – L’INGV annuncia un sisma di impressionanti dimensioni. Un forte terremoto è stato registrato oggi dalle reti sismiche di tutto il mondo. Si tratta di un evento sismico di magnitudo (preliminare) 8.1 localizzato nella South Island della Nuova Zelanda, alle 12:03 di oggi 13 novembre 2016. L’epicentro è localizzato in terra, ma data la grandezza della faglia attivata il terremoto ha dislocato il fondale oceanico con la generazione di uno tsunami.

INGV: “Il terremoto ha generato forte scuotimento lungo tutta l’isola. La mappa di scuotimento dell’USGS mostra livelli pari al VII grado della scala Mercalli modificata (inferiore a quella in uso da noi, la Mercalli-Cancani-Sieberg).”

Il Centro Allerta Tsunami (CAT) dell’INGV, che opera istituzionalmente per i terremoti del Mediterraneo ma che effettua anche il monitoraggio a scala globale, ha determinato per questo evento un magnitudo (Mwpd) di poco superiore a 8. Gli altri centri di monitoraggio terremoti e tsunami al momento (le 13 it.) forniscono valori di poco inferiori a 8.

Tutti i principali centri di allerta tsunami hanno emanato un’allerta per la Nuova Zelanda. I primi dati dei mareografi sulla costa pacifica dell’isola indicano dei forti disturbi del livello del mare, come ad esempio a Kaikoura (figura sotto), con valori di +/-2 metri.




Al CAT dell’INGV si prosegue l’osservazione del livello del mare alle varie stazioni della regione. L’immagine sotto mostra l’analisi del livello del mare in corso al mareografo di Kaikoura, con la misura fatta sul segnale filtrato, pari a +2.4 metri rispetto al livello medio.

Terremoto

Nessun ferito per ora registrati, mentre una campana è stata suonato a Wellington in un apparente tentativo di mettere in guardia i residenti, sirene di camion dei pompieri e le ambulanze per essere ascoltati in città. Alcuni residenti sono rimasti fuori durante le persistenti scosse di assestamento nei pressi della capitale.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login