FRANCIA, ALTRA STRAGE: UCCISO SACERDOTE NELLA CHIESA DI SAINT ETIENNE DU ROUVRAY




 

FRANCIA

La Francia è ormai l’obiettivo di una sequenza infinita di attacchi. Stamattina è stata presa di mira chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray.

Stamattina intorno alle ore 9:45 due uomini armati di coltelli sono entrati  nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray, nel vicino sobborgo di Rouen (Seine-Maritime).

Un sacerdote, due suore e due fedeli sono stati presi in ostaggio, mentre una suora è stata in grado di uscire e dare l’allarme. Ma non è stato possibile salvare il sacerdote che è stato assassinato.

Le forze d’elite della polizia nazionale, BIS e RAID, sono intervenuti e hanno sparato i due sospetti mentre stavano lasciando la piazza della chiesa intorno alle 11.

Fonti della polizia hanno detto che il sacerdote è stato ucciso dai rapitori. Per ora non si conoscono le motivazioni dei due assalitori neutralizzati in un’operazione della Brigata di ricerca e intervento (BRI) di Rouen. Altre tre persone sono rimaste ferite, una gravemente è tra la vita e la morte..




Il presidente francese François Hollande ha cambiato il suo ordine del giorno ed è andato subito sul posto. Hollande ha definito “Un attacco terroristico spregevole nella chiesa di Saint-Etienne-du-Rouvray in Seine-Maritime, in cui un prete è stato ucciso e un’altra persona gravemente ferita.

FRANCIA INADEGUATA A LIVELLO SICUREZZA?

La Francia è nel mirino degli attacchi, che siano lupi solitari o rivendicati dall’Isis è stato colpito tre volte in diciotto mesi con attacchi senza precedenti, 17 morti nel mese di gennaio 2015, 13 novembre 130 morti, 84 morti 14 luglio. La Francia ora vive nella paura di nuovi attacchi che potrebbero destabilizzare ulteriormente la società e scattano le polemiche politiche,  il governo socialista è stato accusato dalla destra e l’estrema destra di non aver preso sufficientemente in considerazione il livello della minaccia terroristica. Inoltre lo scandalo delle immagini riprese dal Comune di Nizza ha sollevato il caso Sandra Bertin che è diventato nazionale, e ciò punta i riflettori proprio sulla sicurezza nazionale che sembrerebbe avere molti vuoti e problemi seri. La Francia è inadeguata a livello della sicurezza? Sembrerebbe questo il tallone d’Achille, ma soprattutto la linea del governo francese che ha scelto già da tempo la sua posizione nei confronti di una guerra che miete vittime fuori e dentro la propria nazione.

 

Foto AFP


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login