LATTE MATERNO: ECCO I NUOVI STRAORDINARI BENEFICI




 

Una recente ricerca ha dimostrato la complessità funzionale dei componenti del latte materno, tra cui le immunoglobuline, le citochine, proteine antimicrobiche, ormoni e oligosaccaridi. Tutte queste molecole agiscono di concerto per fortificare l’immunità, modellare la flora intestinale e stimolare la crescita del corpo. Quindi il latte materno fornisce molto di più delle sostanze nutritive e vitamine per il lattante.

L’importanza del latte materno per la crescita del bambino è indiscussa.  L’allattamento al seno riduce la mortalità infantile per dieci volte e diminuisce l’incidenza delle malattie infettive. Nonostante i suoi benefici riconosciuti, la ricchezza strutturale di latte materno ha anche impedito la caratterizzazione dei molteplici effetti dei componenti del latte sulla fisiologia infantile. Tuttavia, i ruoli importanti di alcuni componenti del latte materno stanno cominciando a essere evidenziati.  Per esempio, le molecole quali immunoglobulina A (IgA) e gli oligosaccaridi del latte proteggono da infezioni gastrointestinali e influenzano lo sviluppo della flora intestinale. Decifrare la complessa composizione del latte materno porta alla luce i contributi poliedrici che si combinano per rendere il latte materno il massimo medicina personalizzata.

RIDUZIONE MORTALITÀ INFANTILE E L’INCIDENZA DI INFEZIONI GASTROINTESTINALI E DELLE VIE AEREE ATTRAVERSO MECCANISMI CHE SONO ANCORA POCO CHIARI




  • Il latte materno trasmette non solo i nutrienti, immunoglobuline, le proteine antimicrobiche, oligosaccaridi complessi, ormoni, ma anche xenobiotici al lattante.
  • La diversità strutturale del latte materno impedisce l’assegnazione di funzioni di protezione a molecole specifiche.
  • La maggior parte dei fattori di protezione forniti dai diversi sistemi di destinazione latte materno influenza nel budello infantile, come ad esempio il sistema immunitario della mucosa e il microbiota intestinale.
  • Gli esseri umani possono avere il più complesso latte materno di tutti i mammiferi. Il latte da una madre umana contiene più di 200 differenti molecole di zucchero, molto al di sopra della media 30-50 trovati, ad esempio, mouse o latte di mucca. Il ruolo di ciascuno di questi zuccheri dovuto dal fatto che la loro composizione cambia durante l’allattamento ed è ancora un vero puzzle scientifico, e probabilmente è collegato al sistema immunitario neonato e lo sviluppo del microbioma dell’intestino. Una rassegna di ciò che è noto e I diversi lavori sul latte materno sono state pubblicate ad aprile 2016 su  Trends in Biochemical Sciences.
  • Il latte materno è spesso il primo pasto di un bambino, ma molte delle molecole di zucchero nel latte non sono destinate a nutrire il bambino. I neonati sono nati sterili di eventuali batteri nelle loro viscere, ma nel giro di pochi giorni essi diventano milioni  e dopo una settimana ce ne sono miliardi. Gli zuccheri che provengono da latte materno sono di solito i primi composti che questi batteri hanno da mangiare, un pranzo libero che ha lo scopo di specifiche specie batteriche di cultura.
  • “Il primo latte materno impatto ha sta favorendo la colonizzazione dell’intestino da specifici gruppi batterici che possono digerire queste molecole di zucchero,” dice il co-autore Thierry Hennet, presso l’Istituto di Fisiologia presso l’Università di Zurigo.”I neonati non hanno la macchina per digerire questi zuccheri, e il latte è come un terreno di semina, è il fertilizzante.”
  • Il latte materno umano aiuta anche a gettare le basi per il sistema immunitario del neonato. Dopo la nascita, il latte è ricco di anticorpi e molecole che rallentano la crescita di batteri nocivi e coordinare l’attività dei globuli bianchi.
  • Dopo un mese, quando il bambino inizia lo sviluppo adattativo al proprio sistema immunitario, la composizione delle transizioni latte materno scendono di oltre il 90 per cento. C’è anche una forte riduzione della diversità di zuccheri latte materno, indicando meno selezione delle specie batteriche. Invece, il  latte maturo materno ha un numero maggiore di grassi e altre sostanze nutritive che favoriscono la crescita infantile.
  • Il latte materno riduce chiaramente la mortalità infantile e significativamente diminuisce il rischio di un neonato per le infezioni intestinali e delle vie respiratorie, ma c’è poco sostegno per i benefici a lungo termine.

Dobbiamo stare attenti a dare tutte le raccomandazioni“, dice Hennet, che ha co-scritto la recensione con Lubor Borsig, anche un fisiologo presso l’Università di Zurigo. “Da un lato, il latte materno è il prodotto di milioni di anni di evoluzione e sicuramente possiede le sostanze nutrienti ottimali per un neonato, ma la domanda è: Quanto dura il neonato davvero bisogno di questo tipo di alimentazione? Sentiamo che le famiglie dovrebbero prendere quella decisione, e non gli scienziati “.

Ma ancora questo alimento ha molte altre proprietà. Ciò che i ricercatori possono fare è continuare a lavorare sulla comprensione del ruolo di tutte le diverse molecole nel latte materno, qualcosa che è diventato molto più facile con i progressi nelle tecnologie di sequenziamento del gene. I prossimi anni possono produrre una nuova comprensione degli ormoni all’interno latte materno umano e il ruolo esatto delle popolazioni batteriche che esso culture nell’intestino infantile.

di Cinzia Marchegiani


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login