NESSUN DUBBIO, IL CIBO IN SCATOLA ESPONE AL DIABETE E MALATTIE CARDIOVASCOLARI




 

di Cinzia Marchegiani

California – Arriva come una sentenza inappellabile lo studio appena pubblicato dall’Univesità di Stanford che dimostra il legame nocivo tra il cibo in scatola e l’esposizione ad agenti chimici ormonali.

Il BPA è un composto usato per fare, tra le altre cose, le resine che rivestono l’interno di lattine di cibo e coperchi. Così la nuova ricerca di Stanford risolve il dibattito sul legame tra cibo in scatola e l’esposizione alla sostanza chimica ormonale noto come bisfenolo A, o BPA.

NESSUN DUBBIO DALLO STUDIO

Lo studio condotto dai ricercatori delle Università di Stanford e Johns Hopkins mette a tacere ogni dubbio persistente sul fatto che mangiare cibo in scatola aumenta l’esposizione ad una sostanza chimica legata al diabete, malattie cardiovascolari e altri effetti sulla salute.

La ricerca evidenzia come anche cibi in scatola sono legati ai più alti livelli della sostanza chimica bisfenolo A, o BPA.

NUOVE SFIDE PER I CONSUMATORI

Lo studio, pubblicato online il 29 giugno 2016 in Environmental Research mette in luce le sfide che devono affrontare i consumatori per cercare di limitare la loro esposizione al BPA, un composto usato per fare, tra le altre cose, le resine che rivestono l’interno di lattine di cibo e coperchi vaso. Quello che si è scoperto è che cibi diversi hanno diverse quantità di contaminazione BPA.

Ho potuto mangiare tre lattine di pesche, una lattina di crema di zuppa di funghi,  tutte hanno una maggiore esposizione al BPA” ha detto l’autore Jennifer Hartle, PhD, studiosa di post-dottorato presso il Centro di Ricerca di Stanford Prevention presso School of Medicine. I Co-autori dello studio includono Ana Navas-Acien della Johns Hopkins e  Università Columbia, e Robert Lawrence della Johns Hopkins.

LE CONCENTRAZIONI DI BPA  NELLE URINE




Hartle e i suoi colleghi hanno scoperto che il cibo in scatola è stato associato a più alta concentrazione di BPA urinario e il cibo più è consumato in scatola, più alto è il BPA. Il risultato conferma l’influenza fuori misura di cibo in scatola in esposizione al BPA. 

I ricercatori hanno inoltre scoperto che particolari tipi di cibo in scatola sono stati associati con concentrazioni di BPA urinario superiore. I peggiori trasgressori (in ordine decrescente): zuppa in scatola, pasta in scatola, e verdure in scatola e frutta.

BAMBINI PARTICOLARMENTE SENSIBILI AL BPA

Un precedente studio condotto da Hartle ha trovato che i bambini, che sono particolarmente sensibili agli squilibri ormonali BPA, sono a rischio in relazione ai pasti scolastici che spesso provengono da lattine e altri imballaggi. Questo utilizzo delle confezione è il risultato degli sforzi scuole ‘per semplificare la preparazione dei cibi e soddisfare gli standard federali di nutrizione mantenendo bassi i costi.

IL BPA È  DICHIARATO TOSSICO PER LA RIPRODUZIONE FEMMILE

Lo stato della California ha elencato il BPA come tossico per la riproduzione femminile, e la Food and Drug Administration ha limitato il suo utilizzo in alcuni prodotti. Tuttavia, la FDA sta ancora lavorando per “rispondere alle domande fondamentali e chiarire le incertezze circa BPA”, secondo il sito web dell’agenzia.

“La FDA non consente più di impiegare il BPA da utilizzare nei biberon, tazze sippy e  rivestimenti in scatola per il latte artificiale liquido, e molte aziende alimentari e delle bevande stanno allontanando l’uso di BPA – ha detto Hartle – tuttavia, non sappiamo se i anche i sostituti sintetici BPA sono al sicuro”.

I ricercatori suggeriscono ai regolatori Federale Expand sperimentazioni anche sulle altre sostanze chimiche usate come sostituti di BPA in packaging alimentare, nessuno dei quali sono inclusi in studi di monitoraggio nazionali.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login