ORLANDO NEL TERRORE: SPARATORIA AL “PULSE” CLUB GAY




 

Orlando (Florida) – Da Orlando arrivano le news sull’attentato che stanotte intorno alle ore 2:00 ha stravolto la città. Un uomo armato identificato come Omar Mateen e successivamente ucciso dalla polizia nello scontro a fuoco, si era barricato all’interno del club gay Pulse e ha sparato in modo casuale ai clienti nella città di Orlando, nello stato americano della Florida.

Lui è Mateen ragazzo di 29 anni. Viene spiegato che era un cittadino americano della città di Port St. Lucie, nello stato della Florida,  nato in una famiglia di immigrati provenienti dall’Afghanistan.

Una strage quella ad Orlando consumata stanotte. Ci sono almeno 50 morti e 53 feriti, così riferisce televisione locale Wesh citando i dati della polizia. Per questo attentato le autorità la Florida hanno dichiarato lo stato di emergenza.

La Casa Bianca ha annunciato che il Presidente Barack Obama è stato informato dal suo sicurezza interna e antiterrorismo consigliere e ha chiesto aggiornamenti regolari, l’FBI e altri funzionari federali lavoreranno con la polizia di Orlando.

Quest’oggi, il governatore Scott di Orlando ha dichiarato lo stato di emergenza.

Il governatore Rick Scott ha detto che dedicherà tutte le risorse disponibili per assistere Orlando: “I nostri pensieri e preghiere sono con le vittime, le famiglie e tutti coloro che sono colpiti da questa tragedia terribile. Siamo uno stato forte e resistente e dedicheremo tutte le risorse disponibili per assistere alla sparatoria a Orlando. Il nostro stato centro di operazioni di emergenza è anche il monitoraggio questo tragico incidente. Sono stato in costante comunicazione con Orlando sindaco compagno Dyer, Orange County sindaco Teresa Jacobs e lo stato e la polizia locale di questa mattina. Vorrei ringraziare anche tutti i primi soccorritori che sono venuti rapidamente per assistere e aiutare chi ne ha avuto bisogno ” conclude Scott.




Un testimone ha riferito di aver sentito circa 40 colpi di pistola al club, ma per ora le autorità non ha voluto confermare quanti colpi sono stati sparati.

Ora molti hanno rabbia contro la religione islamica, ma il padre di Mateen, il signor Siddique rilascia una dichiarazione sulle mittente NBC News, spiegando che questo feroce attacco non avrebbe nulla a che fare con la religione, ma è stata motivata dalla rabbia di suo figlio dopo aver visto di recente due uomini che si baciano a Miami”

Ci scusiamo per l’incidente“, ha detto Siddique. “Non eravamo a conoscenza che stava progettando qualcosa. Siamo in uno stato di shock, come tutto il paese” conclude il padre di Omar.

Ma il cecchino portava un fucile e una pistola, ha spiegato la polizia in una conferenza stampa e le agenzie delle  forze dell’ordine  considerano i fatti come un atto di terrorismo. Gli stessi funzionari hanno detto chiaramente: “sembra che l’evento è stato ben organizzato e preparato.”

Alle ore 2:00, ora locale, molte persone al momento degli spari sono riusciti a scappare, successivamente sono stati presi in ostaggio circa  320 persone. Solo alle 5:00 le forze speciali SWAT hanno preso d’assalto la discoteca.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login