RAME, NUTRIENTE ESSENZIALE PER BRUCIARE I GRASSI




 

rame

California – Un nuovo studio conferma la ulteriormente la reputazione di come rame sia un nutriente essenziale per la fisiologia umana. Un gruppo di ricerca presso il Dipartimento di Lawrence Berkeley National Laboratory (Berkeley Lab) e presso l’Università Berkeley della California, ha trovato che il rame svolge un ruolo chiave nel metabolismo dei grassi.

Il rame, lungamente stimato come un metallo conduttore malleabile,  utilizzato in pentole, elettronica, gioielli e impianti idraulici, sta guadagnando crescente attenzione negli ultimi dieci anni per il suo ruolo in alcune funzioni biologiche. È noto che il rame è necessario per formare globuli rossi, assorbire il ferro, sviluppare tessuto connettivo e sostenere il sistema immunitario.

Il team dei ricercatori è stato guidato da Chris Chang, uno scienziato di facoltà presso Divisione di Scienze Chimiche di Berkeley Lab, un professore dell’Università di Berkeley di chimica e un Howard Hughes Medical Institute. Co-autori dello studio sono Lakshmi Krishnamoorthy e Giuseppe Cotruvo Jr, entrambi UC Berkeley ricercatori post-dottorato in chimica con carattere a Berkeley Lab.

Troviamo che il rame è essenziale per rompere le cellule di grasso in modo che possano essere utilizzati per produrre energia” – ha spiegato il dottor Chang –  “Si comporta come un regolatore. Il rame più c’è, più il grasso è ripartito. Noi pensiamo che varrebbe la pena di studiare se un deficit di questa sostanza potrebbe essere collegata a obesità e malattie correlate all’obesità.

RAME ALIMENTARE

Il dottor Chang ha detto che il rame potrebbe potenzialmente avere un ruolo nel ristabilire il modo naturale per bruciare i grassi. La sostanza nutritiva è abbondante in alimenti come le ostriche e altri frutti di mare, a foglia verdi, funghi, semi, noci e fagioli.

Secondo il consiglio di amministrazione dell’Istituto di Medicina Food and Nutrition, l’apporto dietetico medio di un adulto  per il rame è di circa 700 microgrammi al giorno. La Food and Nutrition Board ha inoltre rilevato che solo il 25 per cento della popolazione degli Stati Uniti assume quotidianamente abbastanza rame.




Il rame non è qualcosa che il corpo può produrre, quindi abbiamo bisogno di farlo attraverso la nostra dieta“, ha detto Chang. “La tipica dieta americana, tuttavia, non include molte verdure a foglia verde. Le diete asiatiche, per esempio, hanno più alimenti ricchi di rame“.

IL RAME COME UN FRENO

Studio pre-clinico. I ricercatori hanno fatto il collegamento sul rapporto rame-grasso utilizzando topi con una mutazione genetica che causa l’accumulo di rame nel fegato. In particolare, questi topi hanno più grandi depositi medi di grasso rispetto ai topi normali.

La condizione ereditaria, conosciuta come morbo di Wilson, si verifica anche negli esseri umani ed è potenzialmente fatale se non trattata.

I risultati hanno indotto i ricercatori a analizzare una coltura cellulare a chiarire il meccanismo con cui il rame influenzi la lipolisi. I ricercatori hanno usato la spettroscopia di massa al plasma accoppiato induttivamente e le attrezzature al Berkeley Lab per misurare i livelli di rame nel tessuto adiposo.

RAME2Essi hanno scoperto che il rame si lega alla fosfodiesterasi 3, acronimo PDE3, un enzima. “Quando il rame si lega alla fosfodiesterasi, è come un freno” ha detto Chang. “Ecco perché il rame ha una correlazione positiva con la lipolisi.”

Ma per gli scienziati il collegamento tra il rame e il metabolismo grasso non è del tutto sorprendente. I ricercatori hanno effettivamente trovato un accenno di collegamento nel campo della zootecnia. Il dottor Chang spiega: “Era stato notato nei bovini che i livelli di rame nel mangime condizionava il grasso della carne. Questo effetto sui depositi di grasso negli animali è nella letteratura agricola, ma non era stato chiarito quali sono i meccanismi biochimici collegavano il rame e il grasso“.

MA ATTENZIONE  ALLE  RICETTE FAI DAI TE. Lo scienziato Chang conferma che questi risultati potrebbero fornire nuovo obiettivo per la ricerca di obesità, però mette in guardia contro l’ingestione di integratori a base di rame come conseguenza di questi risultati dello studio: “Troppo rame può portare a squilibri con altri minerali essenziali, tra cui lo zinco”.

di Cinzia Marchegiani


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login