San Raffaele Pisana, il reparto riabilitazione pediatrica non chiuderà. Mamme costrette a bloccare la strada




 

di Cinzia Marchegiani

Roma – Ne hanno parlato pochissimi giornali, in realtà solo quelli di Brindisi e il duo formidabile Tindilo che hanno perorato la causa dignitosa e di immensa determinazione delle famiglie dei piccoli pazienti contro la chiusura dal 1° dicembre 2016 del reparto di riabilitazione pediatrica e delle disabilità dello sviluppo. I piccoli pazienti di ogni parte d’Italia qui nel Lazio erano seguiti con un successo straordinario dal professor Giorgio Albertini e tutta la sua equipe. In alternativa alla chiusura, queste famiglie non avevano nulla in cambio, ma solo rabbia da cui iniziare la protesta ad oltranza.

Anche noi di FreedomPress abbiamo seguito e lanciato questa battaglia, fatta sopratutto di silenzi, uno in particolare quello del Presidente della Regione Lazio, nonché Commissario ad Acta sanità del Lazio, mentre le famiglie da mesi ormai gli chiedevano un incontro privato.

EMPASSE BUROCRATICA. La storia di questo reparto di fatto aveva preso una bruttissima piega, tanto che dopo le 31mila firme arrivate sulla scrivania del governatore Zingaretti per scongiurare la chiusura del reparto, dopo una commissione sanità istituita grazie all’intervento dell’On. Fabrizio Santori e On. Antonello Aurigemma, non avevano partorito alcun accordo tra le parti, azienda sanitaria e Regione Lazio.

OCCUPAZIONE DEL REPARTO SAN RAFFAELE PISANA.Lo sconforto dei genitori dei bambini che da anni vengono monitorati e seguiti in questo reparto non ha prevaricato, e per questo hanno dato priorità alla battaglia tenacemente portata avanti ogni singolo giorno per difendere una sanità il cui successo è scritto nelle cartelle cliniche di ogni singolo bambino. Storie straordinarie di vittorie e conquista nella vita per chi era nato con una patologia devastante. Così il 1° dicembre 2016  i genitori di questi piccoli pazienti si sono visti costretti ad occupare questo reparto, il giorno precedente infatti la protesta organizzata sotto gli uffici della Pisana non aveva dato loro alcuna rassicurazione.

Ieri l’apoteosi. Dopo giorni e giorni di occupazione del reparto, le famiglie organizzano un blocco stradale in via Pisana davanti S.Raffaele. Maria Gemma Di Trocchio, Presidente Comitato Genitori IRCCS San Raffaele Pisana faceva sapere:

“Basta prese in giro dalla Regione Lazio, Zingaretti vogliamo una risposta questa sera. I genitori incavolati stanno scendendo in strada e bloccare via della Pisana. Basta giochetti, i nostri figli non meritano questo trattamento. Sono bambini e ragazzi a cui la Regione deve il massimo RISPETTO e le cure adeguate per avere un futuro migliore. Alle ore 18,00 inizio del tavolo tecnico i genitori bloccheranno via della Pisana fino a risposta positiva e definitiva”. 

 

 

ARRIVA LA SOSPIRATA NOTIZIA, DOPO UN’OCCUPAZIONE DEL REPARTO E UN BLOCCO STRADALE

Il Comitato genitori IRCCS San Raffaele Pisana dopo aver bloccato via della Pisana, ieri ha ricevuto una risposta positiva. La Presidente del Comitato Genitori San Raffaele Pisana infatti dichiarava: “La Regione Lazio ha accolto la relazione tecnica del Professor Giorgio Albertini e provvederà subito a modificare la Delibera che blocca l’accesso alle cure ai nostri figli. Ne usciamo vincitori ma continueremo a vigilare perché i nostri figli abbiano sempre il futuro che meritano“.




Una storia di grande determinazione è quella che abbiamo raccontato, ma anche di una mobilitazione straordinaria della parte più fragile…. ma forte come l’acciaio di questa umana comunità. Queste famiglie di bambini speciali hanno dimostrato che l’indifferenza istituzionale non può essere la risposta ai drammi sanitari, che al silenzio la forza e la tenacia di difendere un’eccellenza del territorio valgono i sacrifici non indifferenti, perché ci sono cammei con un valore unico, di professionisti che hanno messo al centro della loro vita professionale, la salute e il benessere di questi bambini davvero unici.

UNITI SI VINCE..hanno gridato questi genitori. Un monito per la politica, gli amministratori ma anche per quella comunità che davanti al blocco stradale pensava bene di aggredire chi si era visto costretto ad occupare il passaggio di una strada.

FreedomPress gioisce di questa risoluzione, e augura a tutti questi genitori e ai ragazzi del San Raffaele Pisana un sereno Buon Natale. Un augurio speciale al Professor Giorgio Albertini che si è speso senza sosta in questa battaglia ed è sempre stato al fianco dei bambini, coloro che nonostante la burocrazia, nonostante i numeri, rappresentano la vera essenza di questo Natale che stiamo per festeggiare, una vita che nasce e l’unicità della famiglia. 

Articoli correlati

12 ottobre 2016 Zingaretti chiude l’eccellenza pediatrica riabilitativa San Raffaele. Il Comitato genitori chiede un incontro urgente

Zingaretti chiude l’eccellenza pediatrica riabilitativa San Raffaele. Il Comitato genitori chiede un incontro urgente

17 ottobre 2016 San Raffaele, chiude presidio d’eccellenza per bambini. Santori (FDI): “Senza chiarimenti, partirà una commissione, interrogazioni e mozioni”

18 ottobre 2016  San Raffaele, chiusura pediatria riabilitativa. Santori (FdI): “Richiesta convocazione urgente Commissione Salute e Politiche Sociali”

31 ottobre 2016 Eccellenza pediatrica San Raffaele chiude. Mentre Zingaretti tace, ecco il grido dei genitori e la loro indignazione

17 novembre 2016 Il caso San Raffaele Pisana. Santori (FdI): “Finalmente audizione in Commissione Sanità”

18 novembre 2017 San Raffaele, chiusura pediatria riabilitativa. Santori (FdI): “Richiesta convocazione urgente Commissione Salute e Politiche Sociali”

30 novembre 2016 Pisana, protesta dei malati sotto la sede della Regione: “Basta passacarte, vogliamo parlare con Zingaretti”

1 dicembre 2016 San Raffaele Pisana. I genitori occupano il reparto. Santori (FDI): “Su bambini disabili da Zingaretti atteggiamento indegno”

 


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login