STAMINALI MESENCHIMALI: CONTINUA IL SUCCESSO INESORABILE




 

STAMINALE

California – Le cellule staminali mesenchimali (no embrionali, no pluripotenti indotte iPSCs) si dimostrano sicure e utili ai pazienti colpiti da ictus cronici. Continua così inesorabile il successo di queste meravigliose cellule che provengono dal midollo osseo, dimostrando la loro unicità in un campo che sta dimostrando quanto ancora lontane sono invece gli studi sulle staminali embrionali, che oltre ad avere problemi etici, avrebbero difficoltà a produrre per i prossimi decenni terapie concrete per malati che non hanno tempo di aspettare.

Dall’Università di Stanford proprio ieri, 2 giugno 2016 arriva un comunicato che non fa solo gioire i malati colpiti da Ictus, ma tutti quelli con patologie neurodegenerative che attendevano da tempo prove di efficacia e sicurezza su queste miracolose cellule che il corpo umano protegge: “Le persone disabili da un ictus hanno dimostrato sostanziale recupero molto tempo dopo l’evento quando le cellule staminali adulte modificate sono state iniettate nei loro cervelli”.

Sono state iniettate cellule staminali adulte modificate direttamente nel cervello dei pazienti con ictus cronici, e ha dimostrato che non solo è sicuro, ma anche efficace nel ripristinare la funzione motoria, secondo i risultati di uno studio condotto dai ricercatori della Stanford University School of Medicine. I pazienti, i quali avevano subito l’ictus  da sei mesi a tre anni prima di ricevere le iniezioni, è rimasto cosciente sotto anestesia durante tutta la procedura, che consisteva nella foratura di un piccolo foro attraverso i loro crani.

DOPO  INTERVENTO: NESSUN EFFETTO COLLATERALE O REAZIONE AVVERSA

Anche se più di tre quarti di loro soffrivano di mal di testa transitori dopo l’intervento,  probabilmente a causa della procedura chirurgica e dei vincoli fisici impiegati per garantire la sua precisione, i responsabili specificano che non ci sono stati effetti collaterali imputabili alle cellule staminali stesse, e senza effetti avversi potenzialmente letali legati alla procedura utilizzata.

STORIA DI UNA PAZIENTE. Con una bellissima immagine di una paziente Sonia O.C.  di Long Beach, in California, che aveva avuto un ictus nel maggio 2011, viene raccontata la sua storia.  Si iscrive a questo processo di Stanford dopo averlo scoperto durante una ricerca online. La stessa Sonia racconta: “Il mio braccio destro non funzionava affatto. Mi sentivo come se fosse quasi morto. La mia gamba destra ha funzionato, ma non bene. Camminavo zoppicando evidente. Ho usato una sedia a rotelle“.

Continua Sonia affermando che ora non usa più la sedia: “Non più, però. Dopo il mio intervento, si svegliarono”, ha detto riferendosi al braccio e alla gamba.

RISULTATI PROMETTENTI CLINICAMENTE SIGNIFICATIVI

“Questo è stato solo un singolo processo, e uno piccolo” ha spiegato Gary Steinberg che ha un’esperienza nel lavoro con terapie con cellule staminali per le indicazioni neurologiche di oltre di 15 anni, ed è il principale ricercatore del processo che ha guidato su  18 pazienti e condotto 12 delle procedure di se stesso (il resto sono state eseguite presso l’Università di Pittsburgh).

Gary Steinberg va oltre:  “E ‘stato progettato principalmente per testare la sicurezza della procedura. Ma i pazienti hanno migliorato da diverse misure standard, e il loro miglioramento non era statisticamente significativa, ma clinicamente significativa. La loro capacità di muoversi ha recuperato visibilmente. Questo è senza precedenti. A sei mesi fuori da un ictus, non si aspetta di vedere qualsiasi ulteriore recupero“.

“La loro capacità di muoversi ha recuperato visibilmente. Questo è senza precedenti” afferma con forza Steinberg

FOCUS ICTUS. Circa 800.000 persone soffrono di un ictus ogni anno negli Stati Uniti. Circa l’85 % di tutti gli ictus ischemico si verificano quando si forma un coagulo in un vaso sanguigno fornitura di sangue a una parte del cervello, con conseguente danno intensivo per l’area interessata. La perdita della funzione specifica sostenute dipende esattamente dove all’interno del cervello si verifica il colpo, e sulla sua grandezza.

EFFETTI INVALIDANTI DA ICTUS. Anche se esistono terapie approvate per l’ictus ischemico, per essere efficaci devono essere applicate entro poche ore dall’evento – un lasso di tempo che spesso viene superata dalla quantità di tempo necessario per un paziente con ictus per arrivare a un centro di trattamento.

ICTUS E STAMINALI, UNA STRAORDINARIA POSSIBILITA’ PER CHI E’ STATO LESO. Il comunicato spiega l’importanza di questo straordinario processo. Solo una piccola frazione di pazienti beneficiano di un trattamento durante la fase acuta. Ma la grande maggioranza dei sopravvissuti finiscono con disabilità duraturi. Alcune funzionalità perduta torna spesso, ma è in genere limitata. E il consenso prevalente tra i neurologi è che praticamente tutto il recupero che sta per verificarsi arriva entro i primi sei mesi dopo l’ictus.

“Ci sono circa 7 milioni di pazienti con ictus cronica negli Stati Uniti”, ha detto Steinberg. “Se questo trattamento funziona davvero per quella popolazione enorme, ha un grande potenziale” conclude Steinbreg.




Per il processo, i ricercatori si sono proiettati su 379 pazienti e poi selezionati 18, la cui età media era di 61. Per la maggior parte dei pazienti, di almeno un anno era passato da quando la loro corsa – ben oltre il momento in cui un ulteriore recupero potrebbe essere sperato. In ogni caso, la corsa era avvenuta sotto strato più esterno del cervello, o la corteccia, ed aveva la funzione motoria gravemente colpiti.

Steinberg  specifica:  “Alcuni pazienti che non potevano camminare. Gli altri non potevano muoversi il braccio“.

Nel cervello di questi pazienti i neurochirurghi hanno iniettato le cellule cosiddette SB623 – cellule staminali derivate dal midollo osseo di due donatori e quindi modificati per alterare beneficamente le cellule capacità di ripristinare la funzione neurologica.

NESSUN RIGETTO IMMUNITARIO, NESSUN FARMACO IMMUNOSOPPRESSORE

La pubblicazione spiega: “Le cellule staminali mesenchimali sono i precursori naturali dei tessuti muscolari, adipose, ossee e tendinee . Nei studi pre-clinici, però, non sono stati trovati problemi legati alla differenziazione in tessuti indesiderati o la formazione di tumori. Facilmente raccolte dal midollo osseo, le staminali non sembrano innescare alcuna forte reazione immunitaria nei pazienti, anche quando provengono da un donatore non correlato.  Per questa prova, a differenza della maggior parte delle procedure di trapianto , i destinatari di cellule staminali non hanno ricevuto farmaci immunosoppressori“.

Durante la procedura, le teste dei pazienti sono tenute in posizione fissa, mentre un foro è stato perforato attraverso cranio per consentire l’iniezione di cellule SB623, realizzato con una siringa, in un numero di punti alla periferia dell’area ictus danneggiata, che varia da paziente a paziente.

Continua la spiegazione dell’intero processo: In seguito, i pazienti sono stati monitorati tramite esami del sangue, valutazioni cliniche e di imaging cerebrali. È interessante notare, le cellule staminali impiantate stessi non sembrano sopravvivere molto a lungo nel cervello. Gli studi preclinici hanno dimostrato che queste cellule cominciano a scomparire circa un mese dopo la procedura e non ci sono più di due mesi. Tuttavia, i pazienti hanno mostrato una significativa ripresa da una serie di misure entro un mese di tempo, e hanno continuato il miglioramento per diversi mesi dopo, sostenendo questi miglioramenti a sei e 12 mesi dopo l’intervento chirurgico.

Steinberg ha spiegato: “E’ probabile che i fattori secreti dalle cellule mesenchimali durante la loro prima presenza post-operatorio nei pressi del sito ictus stimola la rigenerazione o riattivazione del tessuto nervoso vicina duratura”.

Di questo trial non sono state osservate rilevanti anomalie del sangue. Alcuni pazienti hanno manifestato nausea e vomito transitorio, e il 78 % aveva mal di testa temporanei relativi alla procedura di trapianto.

MIGLIORAMENTI A MOTORE FUNZIONE

Miglioramenti sostanziali sono stati osservati nei punteggi dei pazienti in diverse metriche ampiamente accettati di tempi di recupero. Forse più in particolare, vi è stato un miglioramento generale 11.4-punto della componente motoria funzione del test Fugl-Meyer, che calibri specificamente deficit di movimento dei pazienti.

Non è stato solo questo. Non potevano spostare il pollice, e ora si può. I pazienti che erano in sedia a rotelle ora camminano “, ha detto Steinberg, che è il professore di Neurochirurgia e Neuroscienze Bernard e Ronni Lacroute-William Randolph Hearst .

Sappiamo che queste cellule non sopravvivono per più di un mese o giù di lì nel cervello”  ha aggiunto.”Eppure vediamo che il recupero dei pazienti è sostenuta per più di un anno e, in alcuni casi oggi, oltre due anni“.

ABBIAMO PENSATO QUEI CIRCUITI CEREBRALI ERANO MORTI. E ABBIAMO IMPARATO CHE NON LO SONO

La pubblicazione mette in risalto anche che il miglioramento post-operatorio dei pazienti colpiti da ictus era indipendente dalla loro età o la gravità della loro condizione al momento della comparsa del processo.

Le persone anziane tendono a non rispondere al trattamento così, ma qui vediamo i 70enni recuperare sostanzialmente. Questo potrebbe rivoluzionare il nostro concetto di ciò che accade dopo non solo ictus, ma traumi cerebrali e persino malattie neurodegenerative. L’idea è che una volta che il cervello è danneggiato, non recupera – sei bloccato con esso. Ma se siamo in grado di capire come per far ripartire questi circuiti cerebrali danneggiate, siamo in grado di cambiare l’intero effetto” ha specificato Steinberg.

E ancora: “Abbiamo pensato quei circuiti cerebrali erano morti. E abbiamo imparato che non lo sono”.

NUOVO RECLUTAMENTO.  Ora viene attivato un nuovo reclutamento. A nuovi pazienti randomizzato, in doppio cieco, multicentrico di fase 2b con l’obiettivo di iscriversi 156 pazienti con ictus cronica di cui  Steinberg è il principale ricercatore di questo processo.

Altri co-autori dello studio Stanford sono Neil ShwartzMD, PhD,  professore associato di neurologia e scienze neurologiche e di neurochirurgia; e l’ex compagno di neurochirurgia Jeremiah Johnson, MD, ora presso l’Università del Texas Health Science Center a San Antonio.

Insomma, questo trial conferma quello che da tante parti del mondo i ricercatori affermano come le cellule mesenchimali infuse non sopravvivono molto, ma si innesca un processo di guarigione. Il tempo galantuomo sembra restituire molte evidenze scientifiche, che nessun può fermare con l’avanzare di menti brillanti e innovative…nonostante tutto!

di Cinzia Marchegiani

Fonte e immagini Stanford University/Eurostemcell


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login