TRUMP, 45 esimo Presidente degli USA: “Nel mondo cercheremo alleanze e non conflitti”




 

Il discorso di Trump

DISCORSO TRUMPdi Cinzia Marchegiani

USA – Trump ha stupito il mondo vincendo la presidenza della Casa Bianca. Ma evidentemente lo shock non riguarda gli americani che lo hanno scelto!

Erano pochi minuti passata la mezzanotte quando i giornali italiani commentavano gli exit poll delle elezioni americane. Sembrava che la Florida avesse vinto la Clinton, per i commentatori la partita era già vinta dalla candidata democratica, inulte seguire tutta la nottata… Ma i voti, la storia parlano di altro, una vittoria schiacciante di Donald Trump, chi l’avesse detto!

Gli elettori americani hanno scelto con la consapevolezza che non volevano una terza guerra mondiale, nonostante i giornali riportavano vittorie schiaccianti nei sondaggi della Clinton, anche gli ispanici, gli afroamericani avrebbero scelto Trump. Barack Obama ha sempre sottolineato come la Clinton sarebbe stata la sua continuità, quella di una guerra infinita?

Le famiglie americane hanno figli nei teatri di guerra sanguinari, vogliono altro per il loro paese, vogliono ricominciare a vivere il sogno americano e non quello di un infinito spargimento di sangue, vogliono lavoro, assistenza medica, vogliono riprendersi ciò che era stato promesso.

Donald TRUMPGli americani hanno scelto. Trump nel suo discorso sul palco allestito all’Hilton nei suoi primi minuti da Presidente degli Stati  è stato diretto, senza giri di parole:




Cercheremo alleanze, non conflitti, nel mondo. Gli Stati Uniti andranno d’accordo con tutti coloro che vorranno andare d’accordo con noi. Lavorare insieme ci porterà alla ricostruzione della nostra nazione e al rinnovamento del sogno americano. La nostra non è stata una campagna ma un movimento incredibile costituito da milioni di donne e uomini che lavorano duro per il loro Paese e che vogliono creare un futuro migliore per sé e per le loro famiglie. Un movimento formato da americani di tutte le razze, religioni e credo che vogliono rispettare il nostro governo che è al servizio del popolo. Gli uomini e le donne dimenticati di questo Paese non lo saranno più.

Mike Pence, il candidato alla vice presidenza di Donald Trump, salendo sul palco con la sua famiglia has dichiara: “E’ una notte storica. Gli americani hanno parlato, e hanno eletto il loro campione“.

Il messaggio nel nuovo Presidente degli Stati Uniti arriva anche in Europa, sottomessa e unita alle politiche egemoni di Obama, e ora si aprono scenari che con la Clinton non potevano essere presi in considerazione, un alleanza Usa-Russia che cambierebbe anche le politiche economiche della stessa Unione Europea, che per rispondere ai dettami di Obama, aveva creato forti ostilità con Putin, creano danni economici anche all’Italia.

Il mondo trema e non è per la politica guerrafondaia di Clinton, ma per cambiamenti che qualcuno forse  volevano non avvenissero mai. Trump viene visto come il terrore, inviso alle politiche estere e della stessa Unione Europea che si dichiara sotto shock.

Ad uno ad uno gli stati sono caduti: Florida, Ohio, North Carolina, Pennsylvania e poi Wisconsin.

Mi impegno a essere presidente per tutti gli americani“, ha detto Trump ad una folla entusiasta di sostenitori a New York. “Stiamo andando a ricostruire le nostre città … Noi ricostruiremo la nostra infrastruttura, che diventerà seconda a nessuno.”

Gli equilibri del mondo cambieranno, il folle Trump potrebbe anche stupire, gli americani hanno scelto un futuro forse incerto, ma non di  nuovo il presente conosciuto e costruito da Barack Obama.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login