TTIP E CETA, MINACCIA AI CONSUMATORI: FOODWATCH SVELA IL GRANDE INGANNO DEI POLITICI EUROPEI




 

TTIP

di Cinzia Marchegiani

Un parere legale dimostra che il “principio di precauzione” europeo non è tutelato nel TTIP e CETA. Si tratta di una minaccia per gli standard sanitari europei e la tutela dei consumatori.

Il TTIP è un accordo di libero scambio attualmente negoziato tra gli USA e l’UE. CETA è un accordo simile, ma già finalizzato tra l’UE e il Canada, che ora aspetta la firma, l’applicazione e la ratifica provvisoria. In entrambi i casi, la riduzione delle barriere non tariffarie al commercio è un obiettivo importante. Queste barriere non tariffarie al commercio includono la regolamentazione delle aree sensibili come la salute, l’ambiente così come la protezione dei consumatori.

LA DENUNCIA DI FOODWATCH

Foodwatch, l’organizzazione indipendente che denuncia le pratiche alimentari del settore che non sono nell’interesse dei consumatori e combatte per il diritto dei consumatori di sapere esattamente cosa stanno comprando,  critica fortemente gli accordi TTIP e  CETA poiché afferma sarebbe difficilmente possibile vietare glifosato e che altre controverse sostanze chimiche che dagli Stati Uniti o in Canada potrebbero entrare nel mercato europeo.

Foodwatch spiega come i politici riescano a fuorviare l’opinione pubblica sui rischi posti da TTIP e CETA.

 NUOVO STUDIO INTERNAZIONALE DIMOSTRA IL DANNO E LE GRANDI BUGIE

Parigi / Berlino / Amsterdam, il 28 giugno 2016.  Un nuovo studio internazionale dimostra che IL TTIP e gli accordi di libero scambio CETA stanno minando il “principio di precauzione” europeo per la tutela dei consumatori – con conseguenze di vasta portata. Per esempio, le sostanze chimiche che non sono approvate in Europa potrebbero entrare nel mercato europeo e il cibo potrebbe essere oggetto di una maggiore esposizione ai pesticidi. Questa è la conclusione di un team internazionale di studiosi, ha dichiarato in un parere legale commissionato dalla Foodwatch associazione di consumatori.

Il principio di precauzione europeo non è  riconosciuta come una tutela giuridica sufficiente in TTIP e CETA. Questo pone il livello di tutela della salute e della tutela dei consumatori in gioco,” ha detto il professor Peter-Tobias Stoll, Direttore del Dipartimento di Diritto Commerciale Internazionale e Diritto Ambientale presso il Università di Göttingen (Germania) che ha preparato il parere legale insieme con il dott Wybe Th. Douma dal TMC Asser Instituut a Den Haag e il professor Nicolas de Sadeleer dalla Université Saint-Louis a Bruxelles.

DIFFERENZE TRA PRINCIPI DI PRECAUZIONE TRA STATI

Il principio di precauzione tutelato nei trattati dell’Unione europea costituisce una base essenziale per le politiche della salute, dell’ambiente e dei consumatori in Europa e si differenzia dal “metodo di follow-up” adottato dagli Stati Uniti e in Canada. Mentre in America del Nord le sostanze sono approvate in linea di principio fino a che non sia provato che sono dannosi, in Europa il principio di precauzione inverte l’onere della prova. Ciò significa che una società – per esempio quando si cerca di approvazione per le sostanze chimiche – deve dimostrare scientificamente che queste sostanze provocano alcun danno e deve rivelare tutti i propri studi relativi in merito a queste sostanze chimiche. I governi europei devono prendere precauzioni per evitare rischi potenziali se ci sono motivi legittimi per dubitare della innocuità di tali sostanze.

LO STUDIO FOODWATCH SVELA L’INGANNO DEL TTIP E CETA CHE NASCONDONO I POLITICI

Lo studio svolto per Foodwatch dimostra che, a differenza di ciò che i politici dell’Unione europea e dei governi nazionali ripetutamente affermano, il principio di precauzione “non è sufficientemente ancorato e tutelato” nei testi contrattuali per gli accordi commerciali europei con gli Stati Uniti (TTIP ) e il Canada (CETA). Inoltre, sia TTIP e CETA si riferiscono agli obblighi di legge dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), che non riflettono il principio di precauzione, come praticato in Europa. Secondo gli autori dello studio, le proposte di regolamentazione che invocano il principio di precauzione potrebbe essere ritardata, diluiti o impedito in futuro.  

POLTICI EUROPEI AFFERMANO IL CONTRARIO: L’ESERCIZIO DEL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE NON È MESSA IN PERICOLO DA TTIP E CETA




Tuttavia, spiega Foodwatch, i funzionari di Bruxelles e politici nei governi nazionali costantemente affermano che l’esercizio del principio di precauzione non è messa in pericolo da TTIP e CETA: “Cecilia Malmström, commissario Ue per il commercio, ha recentemente dichiarato: ‘Nessun accordo commerciale UE potrà mai abbassare il nostro livello di tutela dei consumatori, o di sicurezza alimentare, o dell’ambiente’.  Ignacio Bercero, capo negoziatore dell’UE per TTIP, ha dichiarato: ‘Stiamo mantenendo pienamente il principio di precauzione’Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, ha dichiarato: ‘Abbiamo bisogno [TTIP] e avremo in condizioni che corrispondono pienamente allo spirito europeo e dei principi europei’ e Matthias Fekl , segretario della Francia di stato per il commercio, ha dichiarato in una lettera al Foodwatch: ‘CETA e il partenariato transatlantico attualmente negoziato con gli Stati Uniti [TTIP] non mettono in discussione il principio di precauzione come si applica la legge europea o dalla legge francese dove è integrato nella Costituzione’”.

FOODWATCH SVELA: “IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE NON È MENZIONATO IN NESSUN LUOGO NEGLI ACCORDI COMMERCIALI”

“TTIP e CETA sono un attacco nascosto sul principio di precauzione europeo. Un diritto costituzionale deve essere minato sulla tranquilla – con conseguenze drastiche per i consumatori. Asserire che il principio della tutela cautelare dei consumatori non sarà interessato e che le norme europee non sono a rischio è un tentativo deliberato di ingannare il pubblico –  dice il direttore Foodwatch francese, Karine Jacquemart“- il principio di precauzione non è menzionato in alcun  luogo negli accordi commerciali”.

TRE ESEMPI CONCRETI DI COME GLI ACCORDI TTIP E CETA MINANO GLI STANDARD DI PROTEZIONE IN EUROPA

PESTICIDI : Secondo la legge in vigore nell’UE, i pesticidi devono essere testati per la sicurezza sanitaria prima della loro approvazione. Nel caso di legittime preoccupazioni, una sostanza deve essere vietata come misura precauzionale. Alcuni Stati membri dell’Unione europea, per esempio, attualmente chiedono un divieto di glifosato, un pesticida provocando polemiche nella comunità scientifica – e stanno invocando esplicitamente il principio di precauzione. In base all’accordo TTIP, effettuando il divieto di glifosato sarebbe molto difficile e, eventualmente, coinvolgerebbe tariffe punitive.

PERTURBATORI ORMONALI: ormonali (endocrini) perturbatori, come il bisfenolo A, sono sospettati di turbare l’equilibrio ormonale e che presentano un rischio per la salute. Secondo il principio di precauzione, queste sostanze sarebbero state da tempo oggetto di una regolamentazione all’interno dell’UE. In una prima fase, la Commissione europea avrebbe dovuto presentare criteri per la definizione di tali sostanze controverse entro il 2013, ma è in ritardo di anni in vista dei negoziati TTIP in corso. E’ stato fatto solo quando la Corte di giustizia europea (CGE) ha rimproverato la Commissione, per questo motivo i funzionari recentemente hanno presentato una proposta di Stati membri dell’UE; organizzazioni ambientaliste hanno criticato la proposta come troppo debole. Questa situazione rivela come i negoziati sugli accordi di libero scambio sono già ritardando misure a tutela della salute. Una volta CETA e TTIP sono stati firmati, c’è il rischio che la regolamentazione sarà finalmente fuori dal tavolo.

SOSTANZE CHIMICHE: Il regolamento europeo sulle sostanze chimiche (REACH), considerato in tutto il mondo altrettanto rigorose, si basa sul principio di precauzione e, pertanto diametralmente opposta alla legge americana, che presuppone generalmente che le sostanze sono innocue. Perché il principio della tutela della salute di precauzione non è ancorato in TTIP e CETA, l’Unione europea non sarebbe più in grado di richiamare con successo questo principio nell’ambito di questi accordi. Sostanze chimiche provenienti dagli Stati Uniti e in Canada che sono ora vietati nell’Unione europea potrebbero essere reciprocamente riconosciute come alla pari e potrebbe entrare nel mercato europeo senza ulteriore esame.

Chiosa Foodwatch: “Nonostante le conseguenze di vasta portata di TTIP e CETA, l’Unione europea e i suoi partner negoziali stanno insistendo a passare attraverso gli accordi. CETA (tra l’UE e il Canada) è già stata completamente negoziata e deve entrare in vigore ‘provvisoria’ di quest’anno – senza aver ricevuto l’approvazione legislativa dei parlamenti nazionali negli Stati membri dell’UE”.

I politici dell’Unione europea e degli stati membri sembrano soffrire di grave amnesia.

 

STUDIO FOODWATCH https://www.foodwatch.org/fileadmin/Themen/TTIP_Freihandel/Dokumente/2016-06-21_foodwatch-study_precautionary-principle.pdf


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login