Vaccinare i bambini senza vaccinarli. Il ruolo dell’immunità educativo materna




 

vaccini

Riverside, California – Gli scienziati hanno da tempo capito che il latte materno fornisce una protezione immunitaria contro alcuni agenti infettivi attraverso il trasferimento di anticorpi, un processo denominato “immunità passiva”. Un gruppo di ricerca presso la University of California, Riverside mostra ora che il latte materno contribuisce anche allo sviluppo del proprio sistema immunitario del bambino da un processo del team chiama “immunità educativo materna.”

Specifiche cellule immunitarie materne nel latte attraversano la parete intestinale del bambino per entrare in un organo immunitario chiamato il Timo. Una volta che sono nel timo, queste cellule immunitarie “educano” a sviluppare cellule per attaccare gli stessi organismi infettivi a cui è stato esposto dalla madre.

La ricerca, che ha utilizzato modelli di cura dei topi adottivi, ha importanti implicazioni per vaccinare i neonati. I ricercatori dimostrano che si può vaccinare la madre e questo si traduce nella vaccinazione del bambino attraverso questo processo.

“È un altro modo mamme forniscono informazioni immune ai loro bambini”, ha detto Ameae Walker, un professore di scienze biomediche nel UC RiversideSchool of Medicine, che ha guidato la ricerca. “E’ come se la madre sta dicendo,’ Guardate quello che ho visto in un ambiente che è necessario essere immune da pure’. Le repliche, le copie delle cellule immunitarie materne che il bambino fa, fornirà l’immunità per il bambino per tutta la vita“.

VIDEO, per la traduzione basta cliccare con il tasto destro del mouse e selezionare “traduci in italiano”, appariranno i sottotitoli tradotti

 

 

I RISULTATI DELLA RICERCA PUBBLICATI SUL JOURNAL OF IMMUNOLOGY 

Alcuni vaccini non sono sicuri per un neonato e gli altri semplicemente non funzionano molto bene nei neonati” ha detto Walker. “Se siamo in grado invece di vaccinare mamma o aumentare la sua vaccinazione poco prima che lei rimane incinta, il trasferimento delle cellule del sistema immunitario durante l’allattamento farà in modo che il bambino sia protetto presto”.




Uno degli agenti infettivi che il team di ricerca ha studiato è stato l’organismo che provoca la tubercolosi (TB) – una malattia che è un problema enorme in molti paesi del mondo e sta peggiorando a causa dello sviluppo di ceppi resistenti agli antibiotici. In generale, i bambini direttamente vaccinati contro la TB non hanno una buona risposta: mentre la vaccinazione previene alcune delle complicazioni peggiori, non impedisce la parte respiratoria della malattia.

Ci auguriamo che vaccinando la madre, che poi allatterà il bambino, potremo migliorare l’immunità infantile contro la tubercolosi“, ha detto Walker. E ‘come vaccinare il bambino senza realmente vaccinare il bambino. In alcuni casi, il nostro lavoro ha dimostrato che l’immunità contro la tubercolosi è molto più efficace se acquisite attraverso il latte che se acquistato attraverso la vaccinazione diretta del bambino. Naturalmente, gli studi clinici dovranno essere condotti per verificare se questo è il caso negli esseri umani. “

Quante cellule viene passato da madre a figlio dipende molto da come esposto la madre era ad un’infezione. Se lei viene ripetutamente esposto ad una infezione, la sua risposta immunitaria sarebbe stata potenziata, e più cellule sarebbe passato al bambino.

Secondo Walker, il passaggio di entrambi gli anticorpi e le cellule attraverso il latte di balie probabilmente ha contribuito alla sopravvivenza dei bambini in tempi passati.

Le balie  di solito  provenivano dalla classe sociale più bassa“- ha spiegato Walker – “e sono state probabilmente esposte a più agenti infettivi. Essi dovevano avere un robusto sistema immunitario per sopravvivere, e il trasferimento di anticorpi e cellule attraverso il loro latte probabilmente hanno contribuito notevolmente alla sopravvivenza dei bambini reali. Ciò che la ricerca ci sta dicendo è che un bambino probabilmente potrebbe guadagnare da allattamento da parte di più le donne con diversa provenienza immunitaria”.

La storia insegna che l’allattamento con balie che provenivano da un tessuto sociale di estrema povertà (scarsa igiene, malnutrizione) ha permesso ai bambini di resistere in ere dove la vaccinazione ancora non esisteva. Walker rimarca un dato importante, la vaccinazione non è sicura per alcun neonati e altri semplicemente non funzionano molto bene nei neonati. Ma ci sarà uno screening sulla reale immunizzazione delle profilassi vaccinali che vengono eseguite sui bambini e neonati? Ora più che mai è importante capire i dati estrapolati dopo tanti anni di vaccinazioni, per comprendere dove la scienza medica si deve dirigere.


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login