Vaccino MPR, trovata conferma: “Virus della Rosolia persiste dopo la vaccinazione in pazienti da immunodeficienza primaria”




 

VACCINO MPRdi Cinzia Marchegiani

Philadelphia (USA) – Un nuovo studio conferma come il vaccino MMR (in Italia MPR Morbillo, Parotide e Rosolia) deve essere somministrato con molta cautela, facendo riferimento a ciò che viene scritto nel bugiardino, cioè il foglietto illustrativo. Un invito quindi importante è stato rivolto a tutti i medici prescrittori delle profilassi.

Alcuni pazienti con disturbi da immunodeficienza primaria rari possono essere a rischio di infezione da virus della rosolia, e possibilmente grave infiammazione della pelle, dopo aver ricevuto il vaccino contro la rosolia, di solito somministrato come parte del morbillo-parotite-rosolia (MMR/ o MPR in Italia, NDR). Lo studio avverte che, anche se il vaccino per la rosolia ha una provata di sicurezza e di efficacia nella popolazione generale, i pazienti con gravi carenze nella loro difese immunitarie possono essere suscettibili agli effetti collaterali del vaccino.

Kathleen E. Sullivan

Kathleen E. Sullivan

Il leader dello studio Kathleen E. Sullivan, MD, PhD, capo della Division of Allergy and Immunology  presso  Children’s Hospital of Philadelphia (CHOP) spiega: “Fino ad ora, il rischio di effetti avversi da rosolia è stata una preoccupazione teorica per molti pazienti con deficit del sistema immunitario“.

“Il foglietto illustrativo del vaccino afferma che non deve essere somministrato a soggetti immuno-deficienti. Il nostro nuovo studio ha trovato vera e propria la prova del danno in un sottogruppo di pazienti affetti da queste malattie rare.”




Il suo studio appare nel numero di novembre 2016 del Journal of Allergy and Clinical Immunology , dove è  stato evidenziato come un articolo “La scelta di Editor”.

Le malattie da immunodeficienza primaria (PIDD) sono un gruppo eterogeneo di rare patologie croniche con origine genetica, caratterizzate da disfunzioni nel sistema immunitario del corpo. La maggior parte dei pazienti hanno infezioni ricorrenti, insieme ad altri problemi di salute. Alcuni pazienti PIDD hanno  granulomi cutanei – lesioni cutanee infiammatorie che possono evolvere in ulcere pericolo di vita.

Nei precedenti casi clinici più piccoli, i ricercatori avevano trovato il virus della rosolia correlate al vaccino in granulomi di pazienti PIDD. Nel corso di studio, Sullivan e colleghi hanno analizzato i dati di un più ampio gruppo di 14 pazienti con diverse PIDD che avevano granulomi cutanei. Dodici di questi pazienti erano da USIDNET, un registro nazionale dei pazienti americani PIDD, e altri due pazienti erano di sensibilizzazione europea. Quattro pazienti erano adulti, gli altri bambini. Tre dei 11 bambini sono morti per infezioni gravi. Dei 14 pazienti, 7 avevano evidenza di antigene del virus della rosolia in loro granulomi.

Le scoperte del team suggeriscono il motivo per il quale le malattie da immunodeficienza primaria PIDD hanno compromessi il sistema immunitario del paziente. I pazienti non sono in grado di eliminare il virus della rosolia indebolito contenuto nel vaccino. Questo virus persiste nei loro corpi, danneggiando le cellule della pelle e persino porta a ulcere.

LO STUDIO LANCIA UN AVVERTENZA IMPORTANTE

I ricercatori quindi avvertono: “Questa ricerca rafforza l’avviso già trovato nel foglietto illustrativo della rosolia“, ha detto Sullivan. Si dà ulteriore guida per i medici e le famiglie di chi dovrebbe essere limitato dal vaccino MMR. Tutti i pazienti con questa complicanza hanno avuto una  compromissione immunitaria abbastanza grave delle loro cellule T , cellule responsabili per le compensazione delle infezioni virali.

Pubblicazione studio Rubella persistence in epidermal keratinocytes and granuloma M2 macrophages in patients with primary immunodeficiencies


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login