Assistenza, fondi ridicoli. Elena e Maria Chiara scrivono a Gentiloni: “Siamo due sorelle disabili”… e ti si gela il cuore




 

Elena e Maria Chiara Paolini

 

di Cinzia Marchegiani

Con l’hashtag #liberidifare Elena e Maria Chiara scrivono una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni dove parola per parola descrivono gli effetti di una scelta politica ed economica che attacca e umilia i diritti delle persone non autosufficienti.

Effetti devastanti che conoscono bene chi vive la disabilità ma soprattutto chi fa politica da anni e governa questo Paese. I fondi sono insufficienti per l’assistenza e condizionano la qualità della vita delle persone disabili e la loro quotidianità.  Chi non è autosufficiente incontra difficoltà enormi è vero… ma superabili con una buona assistenza.

Queste due ragazze rivendicano l’opportunità e il diritto di essere persone indipendenti, con la voglia di vivere ed essere libere… di avere una vita indipendente. Questa lettera accende riflettori sul business della case di cura a cui i fondi vengono dirottati.

 

Elena e Maria Chiara si auspicano che questa lettera possa arrivare direttamente al Premier, affinché possa metterci la faccia, come queste due ragazze giovanissime ma assai determinate e motivate stanno facendo.

“Caro Presidente del Consiglio e cari Ministri,

Come butta?

Siamo due sorelle, Elena (quella con la maglia bianca) e Maria Chiara (quella con la maglia gialla).

Siamo disabili. Più precisamente, da sole, non riusciamo a fare quelle cose che la gente di solito fa se vuole restare viva. Quindi mangiamo, ci laviamo, puliamo casa e abbiamo una vita sociale innanzitutto grazie a delle assistenti personali.
Le nostre assistenti agiscono al posto delle nostre gambe e braccia, e questo ci permette di “fare cose vedere gente” e in generale vivere come c***o ci pare.
Le paghiamo grazie a due cose: i fondi ridicoli che lo Stato ci dà e gli enormi sforzi economici della nostra famiglia.

Ma questi soldi finiranno presto, e allora dovremo limitare seriamente la nostra vita, e indipendenza, e felicità. La nostra libertà ha una data di scadenza.

È molto semplice. Senza assistenti, non potremo più uscire liberamente. Magari perché non avremo qualcuno che guidi la nostra macchina per andare dagli amici. O magari non potremo fare la doccia quando vogliamo. O non avremo nessuno che cucini al posto nostro.
Farsi un toast, arrivare a uno scaffale alto, scostare le coperte e scendere dal letto, fare la doccia, mettere il reggiseno, caricare il cellulare, depilarsi. Sono funzioni basilari, eppure c’è una categoria di cittadini che per soddisfarle deve tirare fuori i soldi e pagare, oppure rinunciare.

Sì, perché i contributi statali attuali, di entità diversa di regione in regione, sono niente più che un’elemosina, una presa per i fondelli neanche tanto sottile.

“Non c’è budget”, e intanto una persona non esce di casa da un mese. “Hanno tagliato i fondi”, e intanto qualcun altro non si può lavare da una settimana. “Non ci sono i soldi”, e intanto un ragazzino non può uscire con gli amici.
Eppure paghiamo le tasse, e ci aspettiamo che ci tornino. 

I fondi che ogni tanto vi vantate di stanziare per i disabili in realtà vengono destinati in gran parte alle case di cura, perché dietro alla case di cura – diciamolo ad alta voce – ci sono lucrosi interessi.
È lì che va chi non ha parenti, partner o amici che possano lasciare il loro lavoro per assisterlo. Ma cosa succede in una struttura residenziale per disabili?
Immaginate di non poter uscire, non poter vivere con chi vi pare, non poter compiere scelte e non avere libertà di movimento. Che tutto questo sia legale, solo perché sei disabile. Che tutto questo sia sconosciuto e sotterraneo, perché i reporter là dentro non ci arrivano.

Siamo assolutamente pronte – e con noi tanti altri – a lottare fino a che sarà necessario contro una vita di costrizioni e di rinunce.




Lo Stato ha il dovere di intervenire: proteggere le persone più vulnerabili e oppresse è proprio la sua funzione primaria. Andate a ripassarvi la Costituzione la Carta dei diritti ONU del 2009, e le leggi specifiche. Poi applicatele.
È imbarazzante, sembrate un bambino che non ascolta la maestra e poi si fa male o sporca dappertutto, e piange. Adesso però non frignate, potete ancora pulire questo gran casino.

Abbiamo bisogno di assistenza ora, per vivere le nostre vite adesso. Al momento ce la caviamo alla meno peggio e perdiamo opportunità, facendo con quel che c’è e rimanendo schiacciati: molti di noi stanno in pratica morendo, sprecando la vita.
Spesso non possiamo neanche fare una cosa normale come cercare lavoro, perché semplicemente non possiamo permetterci una persona che ci vesta tutte le mattine, e lo spiegate voi al mio capo che non dispongo pienamente del mio tempo?

Diciamo chiara una cosa. La tragedia non è il non essere autosufficienti: la tragedia è vivere in un paese che pensa di essere ancora nel Medioevo.

Siamo qui per assicurarvi questo, semmai ce ne fosse bisogno: non siamo passivi oggetti di cura da rabbonire e lisciare con promesse di cartapesta o briciole di diritti. Abbiamo una lunga lista di ambizioni e aspirazioni, e nessuna intenzione di lasciar perdere.

Siamo stanchi di sacrifici, fondi insufficienti e in ritardo, continue attese, contentini temporanei e rimbalzi di responsabilità. La clessidra della nostra sopportazione sta finendo, e siamo pronti a scendere in piazza se non vediamo risposte concrete.

Vogliamo che venga dato a ciascuno secondo il proprio bisogno di assistenza. Sappiamo che quando volete vi muovete veloci, quindi aspettiamo azioni, e in fretta. Siamo qui, e non ce ne andiamo.

Maria Chiara e Elena

A te che stai leggendo: abbiamo bisogno di te. Abbiamo bisogno del supporto di tutti.
Saremo più ascoltati se tante persone conoscono il problema: per cominciare, per favore aiutaci a diffondere questa lettera.

#liberidifare ” 

Colpisce questa affermazione: “La tragedia non è il non essere autosufficienti: la tragedia è vivere in un paese che pensa di essere ancora nel Medioevo”.

Ma che società abbiamo costruito?

Elena e Maria Chiara non hanno bisogno di pacche sulla spalla, sono forti e notevolmente determinate. Sono consapevoli che questo sistema che economicizza i diritti è fallimentare e assolutamente non civile. In questo spaccato che riguarda tutte le persone non autosufficienti non è accettabile che le stesse persone debbano armare battaglie per il rispetto della dignità personale, mentre si ipotizzano business sulla pelle degli stessi disabili….

Si salvano banche e banchieri, ma non i diritti inalienabili? Non è una domanda sciocca, purtroppo rappresenta l’essenza di questo governo.

ELENA E MARIA CHIARA PAOLINI NON SI FERMANO, E LANCIANO UN APPELLO PER UNA MANIFESTAZIONE

Con lo stesso hastag #liberidifare Elena e Maria Chiara certamente non si fermano con la pubblicazione di questa lettera e stanno diffondendo questo appello:

“Stiamo cercando persone volenterose per realizzare qualcosa di concreto a seguito della nostra lettera aperta.
Stiamo programmando da qualche tempo delle manifestazioni/ cortei sincronizzati in tutte le regioni per sollecitare gli amministratori a stanziare più fondi per l’assistenza. È in gran parte una questione di visibilità, per mostrare unità e dimostrare che queste richieste sono supportate da molti.
Abbiamo fissato come date il 3, 4 e 5 NOVEMBRE (venerdì, sabato e domenica).

 Chi è interessato a partecipare all’organizzazione a livello pratico ci può contattare a:
wittywheels.blog@gmail.com e risponderemo con tutte le informazioni necessarie.

 Chi invece è interessato a partecipare alle manifestazioni, 7-10 giorni prima delle date verranno creati gli eventi su Facebook da far girare, quindi stay tuned.  .  Maria Chiara Paolini, cliccare QUI

 

Elena e Maria Chiara, un hashtag davvero calzante il vostro: #liberidifare

Chissà se il nostro Premier risponderà…

Potete seguire FreedomPress anche su Facebook, cliccando  QUI e mettendo Mi Piace


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login