Esclusivo, Francia. Studio BNAA-Vacc, gli scienziati mostrano i rischi della “biopersistenza e neuromigrazione dell’alluminio dei vaccini”




 

Studio Esclusivo

di Cinzia Marchegiani

Francia  –  “Esclusivo. Secondo una relazione seria e inedita, completata a marzo, ma mai resa pubblica, gli scienziati sottolineano i rischi a causa dell’alluminio nei vaccini“.

Così i giornali francesi pubblicano un’inedita notizia alla vigilia del “Bill of Financing Social Security” (PLFSS) in Francia, l’estensione dell’obbligo di vaccinazione da 3 a 11 vaccini pediatrici, contestato da molte associazioni e genitori.

Aluminium dans les vaccins: le rapport qui dérange

Ma di cosa si tratta?

Una relazione del consiglio scientifico dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza dei Medicinali (ANSM), per intenderci, l’equivalente dell’agenzia dei farmaci italiana, effettuata nel marzo scorso, precisamente l’8 marzo 2017 e pubblicato ieri 22 settembre 2017 ma mai resa pubblica prima, evidenzia i rischi indotti dalla presenza di alluminio nei vaccini.

Antefatto. Il 7 giugno 2017 i partner del progetto “BNAA-Vacc” avevano annunciato che avrebbero presentato le conclusioni della relazione finale e l’ultimo lavoro dello studio di Romain Gherardi capo del dipartimento malattie neuromuscolari dell’ospedale Henri Mondor di Creteil, coordinatore del progetto.

L’ANSM ha ordinato uno studio nel 2013 come parte della procedura di studio del progetto HAP. Lo studio la questione riguarda i rischi dovuti alla presenza di alluminio in alcuni additivi vaccino. In dettaglio, il progetto “BNAA-Vacc” guidato dal professor Romain Gherardi è stato finanziato per un importo di 150.000 euro per un periodo complessivo di 30 mesi.

La relazione finale e lo studio ha portato a tre pubblicazioni.
La sig.ra Caroline SEMAILLE ha ricordato il principio degli antigeni vaccinali che sono stati adsorbiti precipitati di idrossido o fosfato di Alluminio, questi additivi sono stati usati per 80 anni.
Il ruolo dell’adiuvante accoppiato all’antigene è quello di promuovere la risposta immunitaria, l’adiuvante serve come un segnale addizionale per attivare il sistema immunitario. In Francia, ci sono 26 vaccini (circa 13 milioni di dosi somministrate all’anno) nel vaccino contro l’influenza e 30 vaccini adiuvanti (circa 10 milioni di dosi per anno) per vaccini combinati.
Per quanto riguarda la sicurezza del lavoro- si legge – questo è stato messo in discussione nel 1998 dal team scientifico guidato da RK Gherardi, poichè aveva osservato su  18 pazienti mialgia, grave astenia e artralgia.
A seguito di questo segnale sono state avviate indagini, tra cui uno studio epidemiologico studio esplorativo della Miofascite macrofagica o MFM effettuato nel periodo 2002-2003 dalla CHU de Bordeaux, Dipartimento di Farmacologia, finanziato da Afssaps in collaborazione con InVS e GERMMAD. I casi con lesioni MFM sono stati spesso astenia.

Il CCSV globale ha concluso che vi era un nesso causale molto probabile tra l’amministrazione del vaccino contenente idrossido di alluminio e la presenza della lesione istologica di MFM.

Tuttavia, l’OMS ha concluso nel 2003 che la persistenza dei macrofagi contenenti l’alluminio al punto della vaccinazione non era associato a nessuna malattia o sintomi cliniche private.

Il team di RK Gherardi rendeva noto nuove pubblicazioni (2001, 2009, 2011) che suggeriscono come la MFM è anche associata a disturbi neurologici. Studi sperimentali (2008 -2010) sono stati presentati da RK Gherardi su un modello di roditore per caratterizzare la distribuzione tessuto di alluminio immunizzato IM somministrato e valutarne il potenziale tossico. Lo studio voleva mostrare l’ipotesi del meccanismo del tipo “Trojan” a seconda del gene MCP-1 che subisce la traslocazione cerebrale di particelle iniettate IM macrofagi.

Cosa dice il rapporto scientifico dello studio “BNAA-Vacc” pubblicato il 22 settembre 2017?

Oggetto: Presentazione del rapporto scientifico di studio BNAA-Vacc sulla biopersistenza e neuromigrazione di alluminio adiuvante dei vaccini: fattori di rischio genetico e neurotossicità sperimentale.

“Il consiglio scientifico, dopo deliberazione, rende all’unanimità i membri presenti al direttore generale dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza dei Medicinali e dei prodotti sanitari, un avviso con osservazioni sulla risultati del rapporto finale del progetto di studio “BNAA-Vacc” sulla biopersistenza e sulla neuromigrazione di Adiuvanti in alluminio dei vaccini: fattori di rischio genetici e neurotossicità sperimentale.

Il Presidente del Consiglio Scientifico
Annick ALPEROVITCH

Il lavoro svolto nell’ambito del progetto BNAA-vaccino è stato presentato al Consiglio Scienziato (SC) del ANSM dai ricercatori del team del professor R Gherardi.  La presentazione è stata seguita da una discussione approfondita tra i ricercatori e la SC. Inoltre, la SC ha preso atto delle relazioni di 3 esperti indipendenti su questo lavoro.

Questo lavoro si basa su un’ipotesi di lavoro: l’incorporazione di delle molecole di alluminio nelle cellule immunitarie nelle cellule immunitarie è responsabile della diffusione sistemica di queste particelle e effetti potenzialmente neurologici.
Sono stati proposti due approcci per sostenere questa ipotesi.
Un approccio genetico al ruolo dei geni dell’autofagia (ma non non è interessato ad altri geni di infiammazione, né agli effetti SNP funzionali); un secondo approccio sperimentale che mira a misurare la particelle sistemiche, la loro presenza nel cervello e le relazioni di risposta della dose di alluminio sul comportamento.
Gli stessi quotidiani spiegano come il progetto BNAA-Vacc ha dato origine a tre pubblicazioni.
  1. ll primo studio, Eidi et al. 2015 è stato pubblicato in “BMC Medicine”: mostra, attraverso un complesso di adiuvante allumina e nanodiamonds fluorescenti, la traslocazione fisica tra muscolo iniettato e altri tessuti, compreso il cervello, 21 giorni dopo l’iniezione nel topo. 
  2.  La seconda pubblicazione, Crépeaux et al. 2015, pubblicato su “JIB”, è uno studio longitudinale di lungo termine, in topi, che rileva anche la traslocazione di particelle iniettate nel muscolo, ai tessuti, milza, linfonodi inguinali, il cervello.
  3. Il terzo studio, Crépeaux et al, pubblicato in “Tossicologia” nel 2017, prova questo effetto somministrando diverse dosi a tre gruppi di topi. “Alla fine del processo sperimentale di 180 giorni, Guillemette Crépeaux (ricercatore e coautore dello studio INSERM) ha osservato una modifica del livello di attività e ansia negli animali, un fenomeno limitato a animali che hanno dose percepita di 200 μg di alluminio per kg “ (il più basso), si legge nel rapporto. Secondo Guillemette Crépeaux, ci sarebbe allora un effetto dose, legato alla dimensione delle particelle (che differisce secondo le dosi). Questo effetto dose dovrebbe essere studiato (secondo il ricercatore, le particelle più piccole favoriscono l’internalizzazione della traslocazione). 

L’interessante sentiero genetico

L’ultima parte del rapporto riassume l’intervento del ricercatore Baharia Mograbi che chiede che il 3% della popolazione vaccinata sviluppi patologie post vaccinazione. La sua ipotesi: che questa popolazione ha particolari caratteristiche genetiche, in particolare un difetto del gene autofagico (polimorfismo), che, combinato con il vaccino, provoca lo sviluppo di patologia del miofasciite macrofagico. Secondo la relazione, Baharia Mograbi spera di approfondire il ruolo dell’autofagia nella tossicità delle particelle di alluminio e di studiare l’effetto dei polimorfismi sull’espressione genica autofagica, nonché l’attività di processo autofagica.




La discussione degli esperti ha seguito, con le loro riserve sui protocolli (scelta dei topi in studi sperimentali, composizione della popolazione di controllo dello studio genetico), ma anche l’espressione della loro curiosità sul sentiero genetico. In sintesi, il progetto di studio suggerisce interessanti linee di riflessione, ma che meritano di essere ulteriormente motivate e dettagliate”, dice. Il presidente del consiglio scientifico ha concluso invitando i suoi membri a formulare un parere “riconoscendo il lavoro di ricerca sperimentale e genetica intrapresa, insistendo sulla necessità di approfondire alcuni aspetti del progetto di studio” .

NUOVI SCENARI SULLA SICUREZZA VACCINI, MA LA FRANCIA CALCA LE ORME DELL’ITALIA (NOMINATA NEL 2014 CAPOFILA DELLE STRATEGIE VACCINALI DAL SUMMIT DI 40 PAESI) ESTENZIONE OBBLIGATORIETA’ VACCINI PEDIATRICI

Questi nuove evidenze scientifiche aprono nuovi scenari, ma anche un’amara consapevolezza, nessuno ha certezze sulla sicurezza di questi prodotti seppur siano stati somministrati ad una moltitudine di persone da circa 80 anni.

Una doccia fredda anche per la Francia, soprattutto ora che si affretta a seguire le orme dell’Italia nominata come Guida nelle strategie e campagne vaccinali nel mondo deciso al Global Healty Security Agenda (GHSA) esattamente 3 anni fa presso la Casa Bianca (settembre 2014). Un ruolo importante che lo stesso ministro della salute italiano, Beatrice Lorenzin ha centrato egregiamente ottenendo la conversione in legge del decreto vaccini che porta il suo stesso nome che di fatto ha aumentato da 4 a 10 i vaccini pediatrici obbligatori, pena esclusione dalla scuola dell’infanzia e una multa per gli studenti della scuola dell’obbligo.

Ora si scopre che avevano ragione l’associazione E3M francese che sta portando avanti la battaglia per ottenere vaccini senza sali di alluminio che dichiarava essere riconosciuti come neurotossici dalle più alte autorità sanitarie francesi: “Le segnalazioni sugli effetti secondari gravi, legati alla presenza di sali d’alluminio in numerosi vaccini, esistono da molti anni. La presa di coscienza aumenta nella popolazione mondiale, è ora che questa esigenza sia portata a conoscenza di tutti i cittadini, consapevoli dei problemi di salute pubblica legati alla vaccinazione” e l’associazione Revahb  (associazione delle vittime del vaccino antipetatite B). Entrambe si dichiarano fermamente contrarie anche all’aumento del numero dei vaccini obbligatori pediatrici. Le suddette associazioni vogliono vaccini liberi dall’adiuvante alluminio che ora ha mostrato importanti complicazioni post vaccinali e anche uno di tipo genetico. In Francia ad oggi esiste l’obbligo solo per il vaccino DTP che fino al 2008 era prodotto senza l’adiuvante vaccinale, i sali di alluminio. Per questo motivo le suddette associazioni avevano invitato il neo ministro della salute a tener conto degli allarmi scientifici internazionali che riguardano la tossicità dell’alluminio: “Il principio di precauzione, iscritto nella costituzione francese, deve essere applicato e deve essere effettuata una nuova ricerca per garantire la sicurezza del vaccino“.

Ciò dimostra come ancora poche informazioni e certezze si abbiano in questa materia vaccinale mentre il governo italiano e ora francese, sotto il disegno deciso dal Global Healty Security Agenda (GHSA) impongono l’obbligo delle profilassi e aumentano anche il numero delle profilassi. Come mai questi due governi non hanno messo in agenda una vera rivoluzione vaccinale, quella tesa alla sicurezza e tutela dei bambini molti ora se lo stanno chiedendo. Nelle’era della farmogentica e della medicina personalizzata ancora assistiamo al dogma una siringa per tutti. Se i benefici  sono evidenti sui topi, allora fanno bene anche agli essere umani, ma se i danni sono dimostrati sulle cavie murine tutto produce “linee di riflessione, ma che meritano di essere ulteriormente motivate e dettagliate”. OPS!

Fonte AvisCS_2017-02_Etude BNAA-vaccins

Articoli correlati

Francia. E3m e Revahb contro gli 11 vaccini obbligatori: “Il DTP senza alluminio proteggeva dagli effetti neurotossici”

ALLUMINIO NEI VACCINI E NELL’ALIMENTAZIONE: FACCIAMO CHIAREZZA SULLA SUA AZIONE

Francia, 11 vaccini obbligatori. Corsa contro il tempo per il ministro Buzyn per aggirare la sentenza del Consiglio di Stato

Francia svolta vaccini. Il Consiglio di Stato ordina al Ministero della salute di rendere disponibile il DTP senza combinazione di altri vaccini

DL Vaccini, il Senato approva. Con 10 profilassi obbligatorie triplica il fondo per i danneggiati da vaccino o trasfusione nel 2018

VIDEO/L’Italia è diventata capofila nella strategia della coercizione dei vaccini. Ma non tutti sono gratuiti

Potete continuare a seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo Mi piace


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login