Malta in shock. Brutale assassinio della giornalista Daphne Caruana Galizia titolare dell’inchiesta internazionale Maltafiles





 

 

 

 

di Cinzia Marchegiani

Malta – Malta è sotto Shock. Muore nella sua macchina la giornalista investigativa che proprio nel 2016 era stata nominata “una donna Wikileaks” come una delle “28 persone che stanno scuotendo l’Europa” dopo aver scoperto che Konrad Mizzi e Keith Schembri, rispettivamente capo dello staff di Muscat e ministro dell’Energia e della Salute, erano coinvolti nel Panama Papers. Un anno dopo Daphne Caruana Galizia aveva sostenuto che l’azienda di Panama Egrant era di proprietà di Michelle Muscat, moglie del primo ministro, accuse che alla fine hanno scatenato le elezioni generali in giugno.

A dare notizia della morte della giornalista blogger Daphne Caruana Galizia è stato il Time of Malta. Una potente esplosione che ha colpito la sua macchina, lei una giornalista scomoda per le molte inchieste che aveva realizzato è rimasta uccisa questo pomeriggio alle ore 15:00.  Daphne Caruana Galizia era a bordo della sua macchina una Peugeot 108 Bidnija, nella parte centro-settentrionale di Malta.




La giornalista era la titolare dell’inchiesta internazionale indipendente sui MaltaFiles. Molti giornali spiegano la sua indomabile ricerca della verità, aveva indagato sul coinvolgimento di personalità locali nei cosiddetti Panama Papers secondo la quale “Malta fa da base pirata per l’evasione fiscale in Ue“.

La stessa polizia, inizialmente diffonde un comunicato di un’esplosione avvertita intorno alle ore 15:00. Lo stesso Time of Malta spiega che Daphne aveva denunciato alla polizia di essere stata minacciata.

MALTA, IL PREMIER MUSCAT AL CENTRO DELLE SUE INCHIESTE: ” CONDANNO L’ATTACCO BARBARICO”

ll Premier Muscat, che era finito nell’inchiesta che la stessa giornalista aveva pubblicato sul suo blog Running Commentary ha commentato la morte della impavida giornalista:

“Non riposerò prima che la giustizia sia fatta” – Joseph Muscat

Il dottor Muscat ha condannato l’ “attacco barbarico”, che ha detto lo aveva lasciato sconvolto.

Ha detto che anche se la vittima non era ancora stata identificata, le indicazioni iniziali indicavano la giornalista Caruana Galizia.

“Tutti sanno che Caruana Galizia era un mio critico duro, sia politicamente che personalmente, ma nessuno può giustificare in alcun modo questo atto barbarico“, ha detto. Il premier Muscat ha detto che aveva chiesto alla polizia di avvicinarsi ai servizi di sicurezza di altri paesi per cercare di eliminare i responsabili.

Ha invitato l’unità nazionale, dicendo che “ognuno ha il diritto di scrivere e dire quello che vogliono in questo paese”.”Non riposerò prima che la giustizia sia fatta” – ha concluso Muscat.

Il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, su twitter ha condannato quello che ha definito come il “brutale assassinio di Daphne Caruana Galizia”: “E’ un tragico esempio di giornalista che ha sacrificato la propria vita alla ricerca della verità. Non sarà dimenticata”.

Quest’anno, la giornalista attraverso il suo blog, aveva sostenuto che la società panamense Egrant era di proprietà di Michelle Muscat, moglie del primo ministro maltese. Lo scandalo aveva portato alle elezioni anticipate di giugno, vinte nuovamente dai Laburisti di Muscat.

ADRIAN DELIA, LEADER DEL PARTITO NAZIONALISTA: “LA REGOLA DEL DIRITTO E’ CROLLATA”

In una conferenza stampa tenutasi alle 18.00 circa, il leader del partito nazionalista Adrian Delia ha condannato quello che ha chiamato “il peggior assassinio politico da quello di Raymond Caruana”. Il dottor Delia ha detto  a Malta non rimarrà la stessa cosa dopo l’omicidio spregevole.

Questo è il giorno più oscuro della politica maltese“, ha detto, chiamando l’omicidio “la conseguenza diretta del crollo totale dello Stato di diritto nel nostro paese“, che egli ha affermato che era in corso negli ultimi quattro anni.

Adrian Delia ha sottolineato che qualsiasi inchiesta sull’assassinio di Caruana Galizia dovrà essere veramente indipendente e non guidata da persone come il commissario di polizia, il comandante delle Forze Armate o il magistrato Scerri Herrera, che erano tutti stati l’obiettivo della critica di Caruana Galizia in tempi recenti anni.

 

Potete seguirci su Facebook cliccando QUI e mettendo Mi piace


© Riproduzione riservata





You must be logged in to post a comment Login