Home Salute Le proprietà benefiche dei flavonoidi

Le proprietà benefiche dei flavonoidi

0
flavonoidi

I flavonoidi sono delle sostanze alimentari che possiamo trovare in molti frutti ed ortaggi che consumiamo spesso. Per esempio questi pigmenti si trovano nei frutti di bosco, nei cavoli, nelle mele e nelle cipolle. È proprio dovuto ad essi il colore tipico di questi vegetali. È importante fare il pieno di flavonoidi, perché essi hanno delle proprietà benefiche davvero fondamentali. Possiamo dire che sono dei veri e propri alleati per la salute, soprattutto perché aiutano a prevenire alcune malattie, come il diabete e le patologie che interessano il sistema cardiovascolare. Inoltre i flavonoidi svolgono un ruolo molto importante nel rafforzare il sistema immunitario e nel mantenere un peso equilibrato. Non dovrebbero mai mancare all’interno di un’alimentazione equilibrata. Scopriamone di più sulle proprietà benefiche di queste sostanze.

I flavonoidi sono utili per proteggere il cuore

I flavonoidi, come puoi leggere anche sul sito www.freelandtime.com, possono essere importanti anche per la salute cardiovascolare. Infatti queste sostanze hanno delle spiccate proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Gli antiossidanti fanno bene al nostro organismo, perché rimediano ai danni provocati dai radicali liberi, che sono i principali responsabili dell’invecchiamento cellulare. Di solito il nostro corpo riesce ad assorbire i radicali liberi e ad autolimitarne le conseguenze.

Tuttavia, se i radicali liberi vengono prodotti in eccesso, possono provocare molti problemi di salute. I flavonoidi riescono a limitare lo stress ossidativo che subiscono il cuore e il sistema cardiocircolatorio.

In particolare agiscono contro l’aterosclerosi, quella situazione in cui l’ostruzione delle arterie può portare all’infarto e all’ictus.

La prevenzione del diabete

Si è scoperto anche che i flavonoidi mettono in atto un’azione molto utile per la prevenzione sia del diabete di tipo 2 che del diabete mellito giovanile. Mangiare cibi ricchi di flavonoidi o comunque assumerli sotto forma di integratori può essere importante per mantenere entro una certa soglia i livelli di glicemia.

I flavonoidi infatti migliorano la circolazione del sangue e aiutano a ridurre il grasso addominale che spesso provoca degli scompensi metabolici, le cui conseguenze possono essere anche lo sviluppo del diabete 2.

Lo svolgimento di un’azione antiage

Forse non lo sai, ma i flavonoidi fanno bene anche alla pelle. Soprattutto essi intervengono nel favorire la produzione di collagene e nel mantenere l’ossigenazione della cute, tutte caratteristiche che fanno apparire la pelle giovane e splendente.

I flavonoidi mantengono giovane il cervello

Anche l’invecchiamento del cervello è spesso collegato allo stress ossidativo a cui, con l’avanzare dell’età, sono sottoposti i neuroni, le cellule cerebrali. Quindi introdurre queste sostanze alimentari nella propria dieta quotidiana può essere molto importante per limitare anche l’invecchiamento cellulare, per fare in modo che la mente si mantenga giovane.

Un aiuto per mantenere il peso forma

Se vuoi dimagrire o non vuoi ingrassare, dovresti sempre considerare la possibilità di includere nel tuo regime alimentare quotidiano la frutta e la verdura. Potresti puntare proprio sui vegetali che contengono i flavonoidi.

Come ti abbiamo già spiegato, questi pigmenti favoriscono lo smaltimento del grasso addominale, che non solo è antiestetico, ma si rivela fonte di numerose conseguenze a svantaggio della tua salute.

In generale possiamo dire che i flavonoidi rappresentano un vero e proprio elisir di lunga vita. Ma questa non è soltanto una convinzione comune. Infatti alla base ci sono numerose ricerche scientifiche che hanno dimostrato in maniera inequivocabile come l’assunzione frequente di cibi e bevande che abbondano di flavonoidi possa essere un’occasione importante per avere migliori aspettative di vita.

In effetti l’apporto nutrizionale garantito dai flavonoidi, come abbiamo già visto, riduce il rischio di mortalità precoce per malattie che spesso ne rappresentano la causa, come per esempio gli attacchi di cuore e l’ictus. Da tutto ciò puoi vedere l’importanza di queste sostanze alimentari.