Home Salute Come prendersi cura del proprio sorriso

Come prendersi cura del proprio sorriso

0
estetica bocca

L’estetica dentale è un argomento importante ma non riguarda solo l’allineamento dei denti o il loro grado di candore: per avere una bella bocca, bisogna tenere in considerazione la salute complessiva della stessa e deve essere comunque al primo posto della nostra attenzione. L’estetica dentale è nello specifico una disciplina odontoiatrica dedicata a migliorare e a correggere i difetti e gli inestetismi del sorriso.

Gli interventi più efficaci per l’estetica dentale

Gli inestetismi e i difetti sono inerenti alla posizione dei denti, all’interno della bocca, alla loro forma, al colore, e al modo in cui si sono sviluppati; recandoci in uno studio dentistico si può ovviare ai problemi inerenti alla dentatura con vari mezzi, tra i quali lo sbiancamento dei denti oppure l’applicazione di faccette dentali. Queste tecniche di odontoiatria conservativa, sono indispensabili quando è necessario correggere i difetti della bocca, ma solo se di piccola entità; ovvero difetti impercettibili che dall’esterno sono quasi invisibili e che non si notano. Ma che però possono provocare insicurezze in chi le possiede.

Materiali e tecniche di ultima generazione

Questa branca dell’odontoiatria ha lo scopo di prendersi cura dei denti cariati e trattando in modo mirato le parti del dente danneggiate, la dentina e lo smalto. Per fare questo vengono impiegati dei materiali speciali e appositi, di nuova generazione; i trattamenti ovviamente si differiscono in base alla superficialità o alla profondità delle carie, col dentista che può asportare parte della dentina o dello smalto dei denti coinvolti, ovvero pulire la carie e otturare la superficie dei denti con appositi materiali.

La salute della bocca

Ma se il danno è molto esteso e non si può intervenire in questa maniera parziale, allora l’intervento andrà a dirigersi direttamente sulla polpa dentale. Un aspetto fondamentale di questi trattamenti risiede nell’approccio che il dentista ha con i professionisti di questo settore che hanno il compito di completare il suo lavoro finalizzato a ripristinare la salute della bocca, con gli interventi di estetica; lo scopo è quello di conservare la salute dei denti e quindi vi sono particolari strumenti dei quali un esperto odontoiatra può servirsi per ridare al paziente uno splendido sorriso.

Le faccette dentali

In termini di rimedi possiamo fare un piccolo vademecum per chiarire bene quali sono questi interventi: parliamo delle faccette dentali. Le faccette dentali sono tra i rimedi più amati e utilizzati per la loro facilità di applicazione, e soprattutto per il carattere risolutivo dell’intervento. Si tratta di una sorta di involucro che può essere realizzato in vari materiali, a seconda delle necessità che viene suggerita al paziente che desidera risolvere questo problema in modo veloce e esteticamente valido.

L’ingiallimento dei denti

Per l’allineamento dentario le faccette dentali se applicate in maniera professionale possono intervenire efficacemente nella correzione della posizione e dello spazio tra i denti, evitando di conseguenza l’utilizzo di antiestetici e scomodi apparecchi ortodontici per i difetti di forma o per le lesioni. Se i denti si presentano sbeccati, oppure hanno subito altri danni come scheggiatura da impatto violento, o di altro tipo, anche in questo caso le faccette dentali sono in grado di risolvere, rendendo la dentatura più armoniosa ed esteticamente piacevole. Per l’ingiallimento le cause sono di varia natura: dal tabagismo la cattiva igiene, per non parlare di alcuni fattori genetici che possono rivelarsi veramente determinanti e devastanti.

Inestetismi genetici

Quelli genetici infatti sono i problemi più pesanti da risolvere; l’applicazione delle faccette non è particolarmente difficile o problematico, però è bene ricordarsi che sottoporsi ad una visita dentistica specialistica è necessario, prima di decidere cosa fare per la propria bocca in disordine. Al termine della visita si potrà proseguire la lavorazione alla bocca con il calco dell’arcata dentale che servirà da base per la realizzazione appunto delle faccette dentali. L’obiettivo è che siano conformi alla forma dei denti, alla forma della bocca e alla posizione nella quale i denti superiori e inferiori combaciano.

Lo sbiancamento dentale

Prima di arrivare all’applicazione però il dentista deve preparare i denti limandoli o allineandoli nella lunghezza per facilitare l’applicazione delle faccette dentali che sono praticamente invisibili e resistenti. Il tutto per non causare particolari problemi a chi le indossa. Anche lo sbiancamento dei denti è uno dei rimedi più gettonati ultimamente da quando si è rivelato uno dei trattamenti migliori per rendere il sorriso bello e gradevole. Lo sbiancamento dentale serve a riportare la pigmentazione del dente alla sua origine.

Le discromie dentali

Le discromie dentali sono generalmente provocate da un fattore genetico ma sono anche fattori di rischio l’abituale assunzione di caffè, tè e liquirizia oltre all’abitudine di fumare;  per evitare questa degenerazione della pigmentazione dentaria e quindi un graduale cambiamento della colorazione dei denti è bene sottoporsi allo sbiancamento dentale di frequente e mantenere una pulizia dei denti molto curata.

Igiene orale fonte di benessere

Perché l’igiene orale praticata correttamente e con costanza è il mezzo per evitare tutti i problemi di carattere odontoiatrico; è da ricordare anche di cambiare lo spazzolino almeno ogni tre mesi. Lo sbiancamento dentale deve essere sempre proceduto da un’accurata pulizia dentale, fatta nello studio dentistico, per rimuovere in profondità la placca, il tartaro e le pigmentazioni esterne antiestetiche, per effettuare controlli, pulizia e qualsiasi altro tipo di intervento alla propria bocca, per avere un sorriso sempre al top. Per fare tutto ciò è bene rivolgersi solo a studi dentistici di comprovata esperienza e cercare maggiori informazioni su siti come https://dentistabari.org/.